Archivio : 22 novembre 2018

Conte: “Libertà di stampa mai in discussione”  

BUONE NOTIZIE novembre 22. 2018

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per una sera diventa, da intervistato, intervistatore di giornalisti. La cornice è il Palazzo Reale di Napoli dove, al termine della sua giornata trascorsa prima in Calabria e poi a Napoli, il premier ha incontrato tre giornalisti minacciati dalla criminalità organizzata: Sandro Ruotolo, Nello Trocchia e Salvatore Minieri. “Abbiamo fatto un brindisi alla libertà di informare e anche al diritto ad essere informati”, ha spiegato Conte parlando alla platea e introducendo una sorta di intervista ai tre giornalisti, “un’occasione per me molto stimolante dopo aver dovuto imparare in fretta il mestiere di intervistato quando ho iniziato l’attività di governo”. Conte ha spiegato che quella di stasera rappresenta “un’occasione per riflettere sulle loro personali esperienze. Sono qui con molta umiltà per apprendere, il mio ruolo di responsabile dell’autorità di governo mi impone di acquisire sempre più informazioni e oggi è stata una giornata dedicata al contrasto alla criminalità e all’illegalità”. 

“C’è una precisa volontà – ha assicurato Conte – che i riflettori siano sempre accesi su chi rischia, su chi mette a rischio la propria libertà personale e la propria vita per un bene pubblico, per offrire nell’ambito delle proprie competenze e capacità la possibilità di essere informati anche su vicende su cui altrimenti sarebbe facile far cadere un nuvolo di omertà”. 

Quanto alle polemiche degli ultimi tempi, “ci sta che dopo tanti attacchi ci possa essere una reazione – ha detto Conte – ma non dovete temere che si metta in discussione un principio fondamentale dell’ordinamento civile come quello della libertà di stampa”. “C’è la libertà di informare e c’è il polo simmetrico, il diritto a essere informati. E’ – ha aggiunto – un diritto che comporta anche doveri, responsabilità”. 

Poi, a Sandro Ruotolo che stigmatizzava la “lista dei giornalisti buoni e dei giornalisti cattivi” con riferimento al post dell’ex parlamentare del Movimento 5 Stelle Alessandro Di Battista, il presidente del Consiglio ha risposto: “L’elenco dei giornalisti buoni e cattivi? L’hanno fatto dal Guatemala, mica l’ha fatto un membro del governo”.  

 

Leggi tutto

Mattinate FAI d’Inverno

BUONE NOTIZIE novembre 22. 2018

Tornano per il settimo anno consecutivo leMattinate FAI d’Inverno, il grande evento nazionale del FAI – Fondo Ambiente Italiano pensato per il mondo della scuolae in particolare dedicato alle classi iscritte al FAI, nel cui ambito gli studenti sono chiamati a mettersi in gioco in prima persona per scoprire le loro città da protagonisti.

Il Museo Diocesano S. Matteo di Salerno

Da lunedì 26 novembre a sabato 1 dicembre 2018 gli allievi delle scuole sono infatti invitati a conoscere il patrimonio storico e artistico del loro territorio accompagnati dagli Apprendisti Ciceroni, giovani studenti appositamente preparati dai volontari FAI che operano in un dialogo continuo con i loro docenti. Indossati i panni di narratori d’eccezione, gli Apprendisti Ciceroni racconteranno alle classi in visita il valore di questi beni e le storie che custodiscono.

Grazie alle Delegazioni FAI attive su tutto il territorio nazionale saranno aperti più di 170 meravigliosi tesori poco conosciuti e spesso chiusi al pubblico in oltre 100 città d’Italia. Gli studenti avranno così l’occasione di partecipare a visite condotte da loro coetanei e di vivere un’insolita esperienza di “educazione tra pari”.

Chiese, aree archeologiche, centri storici, palazzi cittadini e delle istituzioni, ville, raccolte museali, scuole storiche, biblioteche, castelli, monasteri, teatri, orti botanici accoglieranno gli studenti per avvicinarli alla storia e alla cultura del loro territorio e per coinvolgerli in un processo di assunzione di responsabilità nei confronti dei beni che esso custodisce. In particolare, poiché quest’anno il FAI dedica attenzione al tema dell’acqua, con la campagna #salvalacqua, fanno parte dei beni visitabili anche terme romane, acquedotti, fontane, riserve naturali e itinerari che si sviluppano lungo incantevoli corsi d’acqua.

Chiesa e Convento di San Biagio ad Aversa

L’evento, giunto alla sua settima edizione, è dedicato alle Classi Amiche FAI che, sottoscrivendo l’iscrizione, condividono gli obiettivi della Fondazione e contribuiscono alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio di arte e natura del nostro Paese.

Mattinate FAI d’Inverno è sostenuto per il terzo anno consecutivo da Gruppo Autogas e si avvale anche della collaborazione della Rappresentanza regionale a Milano della Commissione Europea nell’ambito dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018, del Patrocinio del Consiglio Regionale della Lombardia e di Regione Lombardia, del sostegno di Regione Lazio, del contributo di Regione Toscana, del sostegno di Fondazione Cariverona.

——————————————-

I BENI APERTI IN CAMPANIA 

A Napoli tutte le visite sono su prenotazione obbligatoria al numero 0817613732 o scrivendo alla mail [email protected]. Saranno aperti il Palazzo della Borsa, sede della Camera di Commercio, eretto per ospitare gli uffici della Borsa e della Camera di commercio, il palazzo fu costruito nel 1895 e inaugurato nel 1899 su progetto di Alfonso Guerra, realizzato con fondi donati nel 1861 dal generale Enrico Cialdini, all’epoca luogotenente di Vittorio Emanuele II nella Napoli appena annessa. L’edificio si presenta di gusto neorinascimentale a tre piani, dotato di due ordini di lesene ma la magnificenza dei setti murari lo rendono alla vista come un palazzo diverso, alleggerito solo dalla presenza delle semicolonne che spaccano il senso dell’imponenza. Nei pressi dell’ingresso laterale si accede chiesa di Sant’Aspreno, piccolo tempio paleocristiano inglobato all’epoca della costruzione del nuovo stabile. (lunedì 26 e martedì 27 novembre ore 09:00 – 13:30, ultimo ingresso 13:30. Visite a cura di: Scuola Media Statale Viale delle Acacie); la Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III – Fondo Aosta. Il Fondo Aosta, donato nel 1947 da S.A.R. Elena d’Orléans è custodito presso la Biblioteca Nazionale di Napoli, in alcune sale chiuse al pubblico. Si tratta di una collezione di circa 9.800 fotografie appartenuta ad Elena d’Orléans, moglie di Emanuele Filiberto duca d’Aosta. Alle foto private della famiglia Aosta si affiancano veri e propri reportage dei safari e delle battute di caccia grossa compiuti in Africa dai duchi, servizi fotografici che documentano usi e costumi delle popolazioni indigene dell’Africa d’inizio secolo. Numerose foto ufficiali testimoniano il periodo storico che va dall’inizio del secolo all’avvento del fascismo. (mercoledì 28 e giovedì 29 novembre ore 09:00 – 13:30, ultimo ingresso 13:30. Visite a cura di: Liceo Scientifico Statale Elio Vittorini); a Pozzuoli (Napoli) si potrà, inoltre, visitare il Macellum – Tempio Di Serapide, l’antico mercato romano di Pozzuoli risalente all’epoca romana (I-II secolo d.C.). L’edificio, messo in luce alla metà del XVIII secolo, sotto il regno di Carlo III di Borbone, venne denominato impropriamente Tempio dì Serapide per il rinvenimento di una statua del dio egizio. Esso è stato testimone nei secoli del fenomeno del bradisismo nei Campi Flegrei in quanto le sue colonne, parzialmente sommerse nel mare fino al 1983, mostravano il livello più alto raggiunto dal mare. L’edificio è simile ad altri mercati di epoca romana ma è sicuramente il più monumentale e il più integro proprio grazie alla sommersione dovuta al bradisismo che lo ha preservato dalla spoliazione dei suoi elementi architettonici (sabato 30 novembre ore 09:00 – 13:30, ultimo ingresso 13:30. Visite a cura di: Istituto Magistrale Statale Virgilio di Pozzuoli)

Ad Aversa (Caserta), si potrà visitare la Chiesa e Convento di S. Biagio (prenotazione obbligatoria al numero 0817613732 o scrivendo all’indirizzo mail [email protected]). Il Monastero, oggi occupato da 23 suore Clarisse, fu voluto probabilmente dalla principessa Aloara (era infatti già noto in un documento del 1043) per accogliere le donne Normanne quando i loro uomini si allontanavano dalla città per dar battaglia ai nemici. La Chiesa fu rimaneggiata in forme barocche nel 1616, ma conserva ancora oggi molti aspetti della tradizione longobarda. L’interno è arricchito da opere meravigliose tra dipinti, tele e organi lignei che vanno dal XVI al XVII secolo. Fra tutte va segnalata “L’assunzione di Maria” di Andrea Vaccaro, noto pittore napoletano le cui opere si ispirano al naturalismo di Caravaggio. Incantevole è il Chiostro-giardino porticato. (giovedì 29 e venerdì 30 novembre ore 09:00 – 12:00. Visite di giovedì a cura della Scuola Media De Curtis, Scuola Media Parente, Liceo Scientifico Fermi. Concerto a cura di: Scuola Media Cimarosa. Le visite di venerdì a cura del Liceo Jommelli, Liceo Scientifico Siani, I.I.S. Aversa Liceo Artistico L.Giordano. Concerto a cura di: Liceo Musicale Cirillo. Mostra sul tema dell’Acqua a cura di I.I.S. Liceo Artistico Giordano di Aversa.  Accoglienza a cura di Istituto Alberghiero Drengot)

 

A Salerno, inoltre, sarà aperto il Museo Diocesano S.Matteo. Il museo ha sede presso il palazzo del seminario arcivescovile e ospita preziose testimonianze della produzione artistica locale dal medioevo fino ai giorni nostri. Il seminario fu fondato dall’arcivescovo Gaspare Cervantes, a seguito delle prescrizioni dettate dal Concilio di Trento il 15 luglio 1563. Al suo interno si conserva il Ciclo Eburneo, la più importante collezione al mondo di avori incisi di epoca medievale. Il ciclo, la cui datazione oscilla fra il 1084 e la prima metà del XII sec., è composto da 72 pezzi superstiti, di cui 64 rimangono a Salerno. Notevole il rotolo miniato dell’Exultet, diviso in 11 fogli pergamenacei illustranti il Preconio pasquale (annunzio della Pasqua), risalente alla metà del XIII sec. ( lunedì 26, martedì 27, giovedì 29, venerdì 30 ore 09:00 – 13:00, ultimo ingresso 12:30. Prenotazione obbligatoria scrivendo alla mail [email protected])  Visite a cura di: Liceo Scientifico Enrico Medi, Battipaglia Liceo Classico Perito Levi, Eboli Liceo Scientifico Rescigno, Rocca Piemonte IISS Giovanni XXIII, Salerno)

 

Per informazioni sui beni aperti e per le prenotazioni delle visite consultare anche il sito internet www.mattinatefai.it

 

Fonte: partenope.orghttps://www.partenope.org/wpress/?p=2593

Leggi tutto

Trasportavano cibo per migranti insieme ai rifiuti  

BUONE NOTIZIE novembre 22. 2018

Alimenti in cattivo stato di conservazione destinati a un centro di accoglienza per stranieri trasportati insieme a rifiuti domestici nello stesso furgone. E’ quanto scoperto dai Carabinieri della stazione di Montefredane, comune in provincia di Avellino, nell’ambito di controlli tesi a garantire la sicurezza alimentare. I militari hanno proceduto al controllo di un furgone scoprendo che trasportava, insieme a rifiuti domestici, dei pasti precotti in cattivo stato di conservazione. 

Gli immediati accertamenti svolti con l’ausilio di sanitari dell’Asl di Avellino hanno consentito di stabilire che gli alimenti erano destinati a un centro di accoglienza per stranieri dove il personale operante ha esteso il controllo.All’esito delle verifiche, sono emerse irregolarità igienico-sanitarie nonché di carattere amministrativo che hanno portato alla chiusura di vari locali e al trasferimento di alcuni cittadini extracomunitari in un’altra analoga struttura. Il cibo trasportato è stato sottoposto a sequestro sanitario e immediatamente distrutto. Sono in corso accertamenti da parte dei Carabinieri. 

Leggi tutto

Pugni e pietra in testa a migrante  

BUONE NOTIZIE novembre 22. 2018

Prendono a pugni un 22enne gambiano fino a colpirlo con una pietra alla testa. E’ successo a Benevento, dove sono stati arrestati un 30enne e un 19enne, entrambi beneventani, gravemente indiziati dei delitti di lesioni e violenza privata aggravati anche dai futili motivi. I fatti sono ricostruiti nell’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip di Benevento su richiesta della Procura sannita: i due, lo scorso 26 febbraio, hanno costretto il 22enne gambiano a lasciare il luogo in cui si trovava e, alla semplice richiesta formulata dal migrante sui motivi per i quali si doveva allontanare, lo hanno preso a pugni e poi colpito con una pietra, causandogli ferite alla testa guaribili in 10 giorni.  

Le indagini, coordinate da magistrati della Procura di Benevento ed eseguite dalla Squadra Mobile della Questura beneventana, culminate nell’emissione della misura, hanno consentito di acquisire importanti e rilevanti elementi indiziari nei confronti dei due aggressori, che nei mesi scorsi erano stati anche arrestati insieme per alcuni furti ai danni di esercizi commerciali. 

Leggi tutto

Donne con la folla nel cuore

BUONE NOTIZIE novembre 22. 2018

Serata speciale al Trianon Viviani, lunedì prossimo, 26 novembre, alle 20,00 con un ritorno che sottolinea l’impegno sociale e culturale del teatro, in particolare sul tema della condizione femminile. In scena lo spettacolo, a ingresso libero, Donne con la folla nel cuore, frutto della Scena delle Donne – percorsi teatrali con le donne a Forcella, il progetto ideato e curato da Marina Rippa per l’associazione culturale f.pl. femminile plurale, nato proprio nel teatro del popolo nel 2007.

Donne con la folla nel cuore (foto Mario Laporta)

In questa occasione, a undici anni dal primo laboratorio tenuto al Trianon Viviani e a ridosso della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, il gruppo presenta l’ultimo esito scenico del proprio lavoro, presentando al pubblico alcuni materiali elaborati negli anni e l’ultimo studio realizzato.

In scena Amelia Patierno, Anna Liguori, Anna Manzo, Anna Marigliano, Anna Patierno, Antonella Esposito, Flora Faliti, Flora Quarto, Gianna Mosca, Ida Pollice, Melina De Luca, Nunzia Patierno, Patrizia Iorio, Rosa Tarantino, Rosalba Fiorentino, Rosetta Lima, Rossella Cascone, Susy Cerasuolo e Tina Esposito, diciannove donne di Forcella e di altri quartieri complessi della Città, che raccontano storie, azioni, luoghi a partire da fatti – propri e collettivi – accaduti negli anni e in alcune fasi della vita, in particolare quando le donne cominciano a essere autonome e ad autodeterminarsi: una serie di percorsi teatrali, avanti e indietro nel tempo, con i quali le attrici indagano sui comportamenti delle figlie e delle madri e raccontano scenicamente gli accadimenti e le persone che affollano i propri cuori.

La scena delle Donne, il progetto che esplora l’universo femminile attraverso le arti sceniche, muove i primi passi nel 1999, nella comunità alloggio per donne anziane Cardinale Mimmi di Napoli, dove va avanti fino al 2006. E’ stato ospitato al Trianon Viviani dal 2007 al 2012 per poi trovare casa a Piazza Forcella, in via Vicaria Vecchia, grazie alla collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Napoli.

Fonte: partenope.orghttps://www.partenope.org/wpress/?p=2587

Leggi tutto