Archivio : 2 Dicembre 2019

Rifiuti: Coripet, raccolte 265mila bottiglie in 4 mesi a Ischia  

CAMPANIA ULTIM'ORA Dicembre 02. 2019

Ben 265mila bottiglie in quattro mesi, per una media di 2.070 al giorno. Questi i numeri della prima macchina Coripet installata ad Ischia nel punto vendita SeBón di Barano d’Ischia del Gruppo Lombardi. L’iniziativa ricade all’interno del progetto di riciclo disegnato e realizzato dal Consorzio in collaborazione con Multicedi, per allinearsi alla strategia europea contenuta nella recente direttiva approvata dal Parlamento e dal Consiglio (cosiddetta Direttiva Sup – Single Use Plastics n. 904 del 5/6/2019).  

E da oggi si raddoppia, grazie all’installazione di una seconda macchina nel punto vendita Maxistore Decò, insegna del Gruppo Multicedi, di via Mario D’Ambra 30 a Forio D’Ischia (Loc. Panza).  

Semplice il servizio: basta richiedere una card al punto vendita per farsi riconoscere dalla macchina ed essere abilitati ad inserire le bottiglie accertandosi che siano completamente vuote, non schiacciate e con l’etichetta integra e leggibile.  

“Eravamo certi che i clienti avrebbero apprezzato questo servizio – sostiene Guido Lombardi del Gruppo Lombardi – ma dobbiamo riconoscere che la sensibilità del pubblico al tema del riciclo si è rivelata ancora più forte rispetto alle nostre aspettative. Per questo motivo non abbiamo esitato un istante a valutare l’ipotesi di estendere il servizio aggiungendo una seconda macchina”.  

La card viene emessa gratuitamente dal supermercato e serve a raccogliere i punti accumulati che permetteranno di aggiudicarsi buoni sconto.  

“I numeri delle bottiglie avviate a riciclo della macchina installata nel punto vendita Sebón sono entusiasmanti – afferma Corrado Dentis, presidente di Coripet – e se questo trend sarà confermato, con la seconda macchina solo sull’Isola di Ischia a fine 2020 potremmo arrivare a quota 1 milione: la direttiva europea 904 del 2019 prevede che a partire dal 2025, ogni bottiglia contenga almeno il 25% di Pet riciclato. Questo vuol dire che dal milione di bottiglie riciclate a Ischia si può ricavare il Pet riciclato per realizzare 4 milioni di nuove bottiglie a norma, con largo anticipo rispetto alla scadenza individuata dalla direttiva”.  

Leggi tutto

Maestra aggredita con calci e pugni da una mamma a Benevento 

CAMPANIA ULTIM'ORA Dicembre 02. 2019

Cinque giorni di prognosi per la maestra che ieri è stata aggredita dalla madre di un alunno alla scuola San Filippo di Benevento. E’ accaduto verso le undici. La signora era andata a prendere la figlia in anticipo rispetto all’orario di uscita, poi, per cause che sono oggetto di indagine da parte della polizia, sarebbe esplosa l’aggressione con calci e pugni. La professoressa è stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata in ospedale.  

Leggi tutto

‘Escrementi di topi’, lezioni sospese in scuola del beneventano 

CAMPANIA ULTIM'ORA Dicembre 02. 2019

Ancora una scuola chiusa per la presenza di topi a Benevento. Questa volta l’ordinanza del sindaco, Clemente Mastella, sospende le lezioni per tre giorni (dal 4 al 6 dicembre) al plesso San Filippo per consentire l’intervento di derattizzazione. A segnalare la presenza di escrementi di roditori nell’istituto è stata la responsabile. A seguito del sopralluogo, effettuato dai tecnici della Asl, è risultata la necessità di bonificare gli ambienti. Si tratta, finora, del quinto caso segnalato in città.  

Leggi tutto

Russo (Fi): “Tassa zucchero e plastica danneggia consumatori e imprese” 

CAMPANIA ULTIM'ORA Dicembre 02. 2019

“La verità è che la plastic tax serve solo a fare cassa. Non si tratta di una tassa per politiche ambientali positive, non riduce la quantità di plastica circolante, non sollecita investimenti sul fronte delle tecnologie, ma riduce gli occupati e danneggia i consumatori e le imprese”. Così Paolo Russo, deputato Forza Italia, a margine dell’incontro di nello stabilimento Coca Cola di Marcianise in un confronto con gli stakeholder locali su sugar tax e plastic tax, al quale hanno partecipato, tra gli altri, Gianfranco di Sarno (M5S) e Vincenza Amato (Pd). 

“Le imprese – aggiunge Russo – si troveranno nella condizione di dover pagare una nuova tassa. Le politiche attive sul fronte ambientale si fanno incentivando, non aumentando la pressione fiscale per poi utilizzare quelle risorse su altri fronti. Stessa cosa vale anche per la tassa sullo zucchero. L’Italia non ha emergenza sul fronte dell’alimentazione e degli stili di vita. Si è visto, si è misurato in chiave scientifica che riducendo questi zuccheri non si produce una minore obesità”.  

“La tassa sullo zucchero – aggiunge il deputato Forza Italia – rappresenta il primo passo verso la tassa cosiddetta etichetta a semaforo, ovvero la distruzione di tutte le attività della filiera agroalimentare di eccellenza italiana. Pensate al prosciutto, alla mozzarella, al Grana Padano. Apriamo un varco di natura etica incapace di produrre politiche positive, ma solo capace di raccogliere un po’ risorse che servono poi a consentire clientela al Governo”. 

“La regione Campania – conclude Paolo Russo – dovrebbe farsi parte attiva su questo fronte e dovrebbe alimentare una posizione di difesa del territorio e di difesa degli impianti produttivi della nostra Regione. Se il sistema Coca Cola va in difficoltà su questo fronte, pensate alle migliaia di piccole aziende”.  

Leggi tutto

Coca Cola Hbc Italia: “Già bloccati 10 milioni di investimenti per il prossimo anno” 

CAMPANIA ULTIM'ORA Dicembre 02. 2019

“Uno stabilimento che negli anni è cresciuto, abbiamo investito 50 milioni di euro nel recente passato per renderlo sempre più sostenibile e moderno, ma i 10 milioni previsti per il prossimo anno sono già stati fermati”. Così Giangiacomo Pierini, direttore Affari istituzionali Coca Cola Hbc Italia, a margine dell’incontro di questa mattina nello stabilimento Coca Cola di Marcianise in un confronto con gli stakeholder locali su sugar tax e plastic tax, al quale hanno partecipato, tra gli altri, Gianfranco di Sarno (M5S), Paolo Russo (Forza Italia) e Vincenza Amato (Pd). 

“Contando anche l’indotto – continua Pierini – siamo oltre 830 dipendenti. Una realtà importante per Napoli ma anche per l’intera Campania. Una realtà che è a rischio in questo momento perché la doppia tassazione che si sta discutendo mette fortemente in discussione la nostra presenza industriale sul territorio”.  

Lo 0,06% del Pil nazionale, con circa 980 milioni di euro di risorse generate e distribuite in tutta Italia, 2395 dipendenti diretti, circa 30mila posti di lavoro, se si considera anche l’indotto. Stiamo parlando dello 0,12% della forza lavoro totale in Italia. Questi solo alcuni degli impressionanti numeri della multinazionale americana nel nostro Paese.  

“Per Coca Cola parliamo di 180 milioni di euro in nuove tasse di cui 140 per la cosiddetta sugar tax – aggiunge Perini – che poi è una misura che colpisce prodotti che non hanno zucchero, che non hanno calorie, e altri 40 milioni la plastic tax che, pure, colpisce la plastica in ogni sua forma, che sia riciclata o riciclabile”.  

“Speriamo solo – conclude Giangiacomo Perini – che in questo momento prevalga il buon senso. Questi incontri hanno l’obiettivo di spiegare nel dettaglio quali sono gli impatti industriali di queste scelte. Oggi spieghiamo che effetti possono avere certi tipi di provvedimenti se venissero implementati davvero”.  

Leggi tutto

Tratta e schiavitù, scacco alla mafia nigeriana 

CAMPANIA ULTIM'ORA Dicembre 02. 2019

La Polizia di Stato sta conducendo una vasta operazione internazionale, in diversi Paesi europei, nei confronti di due organizzazioni mafiose di matrice nigeriana per associazione a delinquere, tratta, riduzione in schiavitù, estorsione, rapina, lesioni, violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione. 

Decine di arresti e perquisizioni, eseguite su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Bari, sono in corso in Puglia, Sicilia, Campania, Calabria, Lazio, Abruzzo, Marche, Emilia Romagna e Veneto. L’attività è eseguita dai poliziotti della Squadra mobile della Questura di Bari, con la collaborazione degli omologhi uffici investigativi provinciali ed il coordinamento del Servizio Centrale Operativo. 

Con l’ausilio della Divisione Interpol del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, alcuni degli indagati sono stati rintracciati e catturati in Germania, Francia, Olanda e Malta.  

Leggi tutto