venerdì, 28 Gennaio, 2022
9.7 C
Napoli

Capodanno, “Passione Live” dal Maschio Angioino

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Conferenza di presentazione il 29 dicembre 2021 alle 9:30 all’Antisala dei Baroni

Mercoledì 29 dicembre
 alle ore 9.30, nell’Antisala dei Baroni del Maschio Angioino, si terrà la conferenza stampa di presentazione del ricco programma degli spettacoli e degli eventi, che ampliano l’offerta del progetto “Ri-nascita” già partito lo scorso 8 dicembre.  Ad illustrarlo ci saranno Gaetano Manfredi, Sindaco di Napoli, Teresa Armato, Assessore Comunale al Turismo e alle Attività Produttive, Felice Casucci, Assessore Regionale al Turismo e gli organizzatori insieme ad alcuni esponenti del cast.

L’EVENTO
“La città come luogo di culture, che mantiene inalterata nel tempo la sua valenza suggestiva e poetica e la cui magia agisce superando i confini del noto e ammaliando quanti si lasciano affascinare dal suo mistero”. E’ questa la mission dello spettacolo di promozione culturale della città partenopea denominato “Passione Live” – Capodanno 2022”, un’iniziativa fortemente voluta dal sindaco Gaetano Manfredi insieme con l’assessore al Turismo e alle Attività produttive del Comune di Napoli, Teresa Armato, finanziata dai fondi del Poc Campania 2014/2020

L’evento si svolgerà il 31 dicembre 2021 a partire dalle 21.30 in modalità streaming – su ecosistema della Regione Campania cultura.regione.campania.it e su scabec.it con il supporto di Scabec Fondazione Campania dei Festival nonché sul sito istituzionale del Comune comune.napoli.it, oltre che sui canali social dell’Amministrazione comunale.

“La passione accomuna da sempre il popolo napoletano, per questo motivo lo spettacolo della sera di Capodanno ‘Passione Live’ – anche se non si svolgerà dal vivo in piazza tra la gente – rappresenta al meglio l’anima della nostra città. Un modo per legare le nostre tradizioni artistiche alle nuove forme espressive. Napoli vuole riprendersi il posto che le spetta come grande capitale europea. La ‘rinascita’ passa per la valorizzazione del suo patrimonio culturale, per la sua storica capacità di accoglienza, ma anche dimostrando di saper cogliere le opportunità di sviluppo che abbiamo davanti a noi”, spiega Manfredi.
Per Armato “la kermesse è un passaggio di testimone dalle vecchie alle nuove generazioni di autori, cantautori ed interpreti partenopei, che hanno saputo portare avanti la musica napoletana, ed in molti casi, regalarci anche nuove canzoni entrate di diritto tra le più importanti nel panorama musicale nazionale ed internazionale”.

IL PROGRAMMA
Lo spettacolo ha il pregio di esprimere, attraverso l’originale fusione di differenti forme d’arte (musica, danza, teatro), l’essenza più profonda del capoluogo campano, grazie alla giusta dose di creatività e sperimentazione, per costituire uno spettacolo dove il pubblico, nazionale ed internazionale, può, facendosi guidare dalla propria curiosità ed immaginazione, approdare alla scoperta di un territorio assai ricco di tradizioni e di lirismo. Dunque, l’obiettivo è creare, grazie alla modernità dell’impianto visivo, un avvicinamento delle nuove generazioni di ascoltatori alla canzone napoletana, sia classica che moderna, stimolando i giovani con arrangiamenti musicali più vicini ai loro gusti.  

Lo show, che si concluderà intorno alle ore 01.00, regalerà suggestivi momenti quasi di fusione tra le melodie poetiche d’inizio secolo e quelle contemporanee. E sarà possibile ascoltarle attraverso interpretazioni inedite, tableaux vivants ed arrangiamenti sorprendenti, volti a far scoprire l’intrinseca modernità delle prime ed i tributi al passato delle seconde. Ma non finisce qui. Si potrà anche seguire il racconto e la forza di quelle stesse parole con l’evocazione e la suggestione della narrazione coreografica contemporanea, al fine di individuarne, mediante il linguaggio dei corpi, tutta la loro effettiva potenza poetica di grande comunicatività e teatralità. Potremo, quindi comprenderne il senso e il significato più profondo, puramente poetico, lasciandole vibrare come puro suono, al di là degli aspetti musicali, affidandole alla recitazione della voce di un’attrice.

Il tema della serata si svilupperà come uno spettacolo di immersione visiva e senza una vera e propria conduzione, con il filo del racconto che si determinerà attraverso la successione dei momenti canori, coreografici e video. Inoltre, la narrazione in alcuni momenti verrà ulteriormente valorizzata dall’entrata in scena di un’attrice alla quale spetterà il compito di far vivere ai partecipanti un sogno, un’atmosfera elegante, un mood particolare, amplificato dall’ascolto di brani immortali.

A condurre la serata ci saranno i presentatori Gianni Simioli e Barbara Foria, che provvederanno, tra l’altro, a dialogare, laddove necessario, con i cantanti e gli ospiti, ed a presentare il momento della mezzanotte.  

Protagoniste assolute della notte di capodanno saranno canzoni famose, come “Era De Maggio”“Passione”“Carmela” e “Vesuvio”, reinterpretate in chiave contemporanea, ed i testi teatrali del grande Eduardo De Filippo, recitati e resi tridimensionali dalle performance, ed il racconto visivo inedito fatto di immagini d’autore. La regia del maxi evento sarà davvero innovativa: parte dal voler emozionare chi assiste, orientata a costruire un racconto visivo su due linee narrative: il live, che vede come ambientazione la notte, ed i contributi video, che, invece, sono ambientati di giorno.

Lo spettacolo in diretta sarà inframezzato da contributi video artistici, preregistrati di giorno, rappresentativi di alcuni dei luoghi più suggestivi ed importanti di Napoli e commentati da narratori di eccezione: gli artisti napoletani.   Il regista dello spettacolo è il maestro Mvula Sungani (ideatore anche delle coreografie e delle spettacolarizzazioni).  

Tanti gli ospiti nel cast: Emanuela Bianchini (étoile internazionale), DiodatoRaiz (Almamegretta), James SeneseEnzo Gragnaniello e ‘O Zulù, ai quali si affiancano gli interpreti musicali FloIrene Scarpato (Suonne d’Ajere), Simona BooFrancesco Di Bella (24Grana), Dario Sansone (Foja), Roberto Colella (La Maschera), Maldestro e Gnut. La direzione musicale è affidata a Ernesto Nobili (Chitarre acustiche e Plettri).  Questi, invece, i musicisti: Caterina Bianco (Tastierista e Violini), Marco Caligiuri (Batteria), Gigi Scialdone (Basso) e Fofò Bruno (Chitarre elettriche), con musicisti ospiti Fredy Malfi e Piero Gallo. Lo spazio per la danza, inoltre, sarà dedicato alle esibizioni dei ballerini Damiano Grifoni (1° Ballerino), Giulia FrancescottiAdele FalconeBeatrice De SanctisKevin RanucciManuel Lardo e Srey Maffei. Ci saranno, infine, anche i Deejay Irene Ferrara e Marco Messina e l’attrice Teresa Saponangelo. La produzione dell’evento è di Arealive srl.

Fonte: https://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/43862

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?