domenica, 18 Aprile, 2021
14.4 C
Napoli

Caso AstraZeneca, i cittadini campani sospesi tra prudenza e necessità

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Il caso AstraZeneca ha avuto come primo effetto quello di dimezzare la presenza del personale scolastico convocato per oggi alla Mostra d’Oltremare: su 600 convocati hanno risposto all’appuntamento solo in 292. Ma questa è solo la coda di una nottata e soprattutto una mattinata di serrato confronto fra Napoli e Roma su due posizioni contrapposte: la linea della prudenza suggerita dall’unità di crisi regionale, che dalla tarda serata di ieri aveva scelto di sospendere, sia pure in via solo cautelativa, la somministrazione del siero in attesa dell’esito degli accertamenti su altri lotti dopo quello bloccato a seguito della morte di tre militari in Sicilia; e la strada traccia dal ministero della Salute, convinto della necessità, imposta dalla gravità della pandemia, di non rallentare la campagna di vaccinazioni in mancanza di “controindicazioni” all’utilizzo di quel prodotto. In mezzo, i cittadini.

Così lo scenario è cambiato rapidamente, questa mattina, nel giro di circa 215 minuti. Alle 6.52, l’unità di crisi ha comunicato formalmente ai manager la nota, già anticipata la sera prima, con la quale si invitava a non utilizzare le dosi AstraZeneca, a titolo precauzionale, in attesa dell’esito delle verifiche. I manager si sono adeguati a strettissimo giro, dando le disposizioni del caso ai rispettivi uffici. Ma poco dopo, il ministero della Salute ha impartito disposizioni differenti: non c’è ragione, hanno fatto sapere da Roma, per bloccare la somministrazione di tutte le forniture, lo stop deve valere solo per i due lotti sotto esame. A quel punto, l’unità di crisi è stata riconvocata d’urgenza e ha recepito le indicazioni ministeriali, sbloccando le vaccinazioni con gli altri lotti di AstraZeneca. Alle 10.25 è arrivata la nuova nota e il conseguente dietrofront imposto ai manager. Per i cittadini, un nuovo cambio di programma. Chi pensava di non dover andare, ha dovuto decidere se rispettare la convocazione o soprassedere. Chi si aspettava certezze, ha ricevuto in cambio altri dubbi. Un’altra pagina di caos, a un anno dall’inizio della pandemia.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/03/12/news/astrazeneca_vaccini_campania_zona_rossa_napoli-291949654/?rss

Cosa fare in città

Archivi