giovedì, 1 Dicembre, 2022
11.2 C
Napoli

Con Capuano Totò “torna in scena” al Mercadante

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Totò è risorto. E recita al teatro Mercadante. Ha le sembianze dell’attore/cantante Roberto Del Gaudio ma in realtà è l’alieno Principe Antonio de Curtis. Affiancato dall’altrettanto extraterrestre Peppino De Filippo – alias Gaetano Pappagone – qui incarnato da Carlo Maria Todini. Sono loro due gli straordinari protagonisti di un miracoloso “T&P. Totò e Peppino – omaggio a Beckett”, ideato, scritto e diretto da Antonio Capuano, che con la produzione del Teatro di Napoli – Teatro Nazionale ha debuttato mercoledì 16 e che non ha ricevuto un’ovazione perché proprio nel frangente degli applausi finali uno spettatore ha avuto un collasso epilettico.

L’intervento di un medico presente fra le poltrone ha scongiurato il peggio; l’uomo si è lentamente ripreso e la platea ha riservato il meritato applauso al cast artistico e tecnico, in cui figurano Antonella Di Martino (scene), Francesca Balzano (costumi), Federico Odling (musiche), Alessandro Papa (installazioni video) e Emanuele Donadio (aiuto regia).

In un basso decadente – eloquente l’allusione alla cinematografica “Napoli milionaria” imbastita da Eduardo nel 1950 con la complicità del finto morto Totò; corroborata dalla suite straziante di Nino Rota che si espande nella sala – i due sopravvissuti giocano ancora una volta al tiranno e allo schiavo. Com’è avvenuto per migliaia di ciak. Totò/Hamm e Peppino/Clov fluiscono dalla loro galassia al labirinto di Beckett. La detonazione è proprio una battuta dal copione del drammaturgo irlandese: “Non c’è niente di più comico dell’infelicità”. Antonio Capuano, 82 anni, lo aveva promesso: “Questo è un largo, ricamato, collage che ho composto prendendomi la responsabilità delle battute”. Eccome se lo è, un mosaico.

Da un televisore inesorabilmente e perennemente acceso, arrivano canzoni e frammenti di film. Sordi in “Un americano a Roma” e addirittura le acrobazie del dancing duo Nicholas Brothers per “Stormy Weather”, film del 1943 in cui brillava la stella di Cab Calloway. E chi venera Totò non può ignorare che Calloway è il guizzo di una delle scene cult di “Totò a colori” ambientate a Capri. Ma al jazzista Usa s’intrecciano i versi di Baudelaire – già presenti peraltro nel “Finale di partita” beckettiano – e le poesie di Totò (“Uocchie ca me parlate” e “Malafemmena”). E lo spirito, e lo spasimo, dell’Amleto scespiriano. Non soltanto nella crasi melodica “Miss, mia cara Miss, nu cuopp’ all’esse … rci o non esserci …”, ma in un costante, litanico, tormentato tentennare sulla propria sorte. Essere uomo o clown? Far ridere o far commuovere? La platea, il pubblico, è intanto un corteo di fantasmi. Mortali. Loro no però. Totò e Peppino, in corpo, anima e frattaglie, sì che sono impermeabili alla morte. Sono “doje guarattelle”. Pagliacci. Maschere angeliche. È il destino dei clown farsi ferire, far ridere a crepapelle, dissolversi miseramente ogni sera e rifiorire l’indomani.

E il paradosso estetico assecondato da Capuano sta proprio nel creare l’addio (provvisorio) di Totò al sipario tutto stracciato nell’esatto momento in cui intona la macchietta “Il bel Ciccillo”. Se state leggendo questo racconto sappiate che avete tempo di rivedere Totò sul palco di piazza Municipio fino a domenica 27 novembre. A meno che Antonio Capuano, che è cineasta autentico e funambolico e che all’inizio degli anni Novanta voleva realizzare un lungometraggio dedicato a Totò nell’età fra i 6 e i 18 anni, non ne tragga oggi un film teatrale. Tuttavia non potrete dire che non lo sapevate. Non siate caporali. Un suggerimento, infine: seduti in platea, chiudete gli occhi. Avrete la certezza che se l’ecque qua favolistico di Todini è il riverbero di Peppino, Roberto Del Gaudio è realmente Totò. Per grazia, cattiveria, rimorso, ritmo, poesia.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/11/18/news/con_capuano_toto_torna_in_scena_al_mercadante-375130731/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?