martedì, 6 Dicembre, 2022
14.9 C
Napoli

“Criminalità giovanile, allarme sociale”: più vigilanza e lotta alla dispersione a Napoli

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Gli sforzi ci sono stati, ma non bastano. “Qui occorrono risposte adeguate a un autentico allarme sociale ” . È cominciato all’insegna della concretezza, ieri pomeriggio, il Comitato per l’ordine e la sicurezza che il prefetto Claudio Palomba e il sindaco Gaetano Manfredi avevano voluto su disagio giovanile e criminalità minorile, dopo l’escalation di violenza e le continue risse delle scorse settimane. Oltre due ore di confronto, anche vivace, sulla ricerca di prime soluzioni sul terreno. Poi la decisione di muoversi su un doppio livello.

Prima azione: più vigilanza, più pattuglie in strada, tra agenti della municipale, polizia e carabinieri, specie nei fine settimana, soprattutto tra Decumani e Chiaia, piazza Vittoria e piazza del Gesù. Con misure severe per quegli esercenti che alimentano la “corsa” al cicchetto dei ragazzi. “Particolare attenzione sarà riservata al contrasto alle violazioni in materia di commercio, in particolare per quanto attiene alla vendita di alcolici ai minori: fino a prevedere ipotesi di revoca delle licenze in caso di reiterate violazioni”, sottolinea la nota firmata da Palomba. È alla luce di questo più severo impianto sanzionatorio che sta lavorando l’amministrazione Manfredi in vista del Regolamento comunale, post- ordinanza delle polemiche, che governa la movida. Regolamento che dovrà essere poi sottoposto al voto del Consiglio.

Secondo livello: quello dei numeri record della dispersione scolastica e in genere dello scollamento con famiglie e ragazzi in alcuni quartieri e nei Comuni più devastati dalla mancanza di servizi, Caivano ed Afragola in cima a tutti. Dati su cui sta riaggiornando le sue statistiche l’Ufficio scolastico regionale (Usr), retto da due mesi da Ettore Acerra. Da settimane, infatti, va avanti il lavoro degli uffici dell’Usr con le finalità del Patto educativo che dovrebbe essere varato entro maggio dal ministro Patrizio Bianchi a Napoli.

“Siamo in contatto non solo con i vertici del nostro ministero, ma anche con i rappresentanti del vescovo Battaglia – sintetizza Acerra con Repubblica – Ci sono stavolta tutte le condizioni per interventi di fondo: le risorse del Pnrr, la volontà di agire lungo varie direttrici come il potenziamento del tempo scolastico a partire dalla stagione estiva, la formazione specifica per insegnanti e l’immissione di figure di rete, dagli assistenti sociali ai mediatori culturali; e poi gli investimenti sulle infrastrutture, sia di edilizia scolastica sia di tecnologie”.

Grandi progetti, che ora però devono trovare attuazione. Il pressing su Roma è quotidiano. Dal Palazzo di governo, Palomba ha fatto sentire la sua voce su questo tema. Già a dicembre aveva detto: “Il 2022 dovrà essere l’anno della scuola e degli interventi sul disagio giovanile”. Per il prefetto, “Napoli ha bisogno non solo del controllo del territorio, ma di un forte Piano sociale di investimento: che significa strutture scolastiche, assistenti sociali, figure di raccordo, altrimenti non si vince”.

Un altro aspetto da migliorare, tuttavia, è quello della comunicazione tra le scuole che dovrebbero segnalare i casi di abbandono e la giustizia minorile, come ha ricordato la Procuratrice per i minori, Maria de Luzenberger. I tempi previsti dalla legge sono dilatati. Si arriva tardi, sulle vite e le famiglie lasciate ai margini.

L’obiettivo è “rivedere la concezione di sicurezza, che deve essere allargata”, sottolinea Palomba. Da un lato, alla partecipazione economica dei privati; dall’altro, alla condivisione. Anche dal basso. Partendo dalle municipalità. Cominciano dalla settimana prossima anche i cosiddetti “Tavoli di osservazione” per la vivibilità nei quartieri. Si comincia mercoledì 27 dalla zona est. Prime tappe, Poggioreale e Ponticelli.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/04/22/news/criminalita_giovanile_allarme_sociale_piu_vigilanza_e_lotta_alla_dispersione-346400857/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?