martedì, 6 Dicembre, 2022
14.2 C
Napoli

Dall’intelligenza artificiale alla blochchain, a Smau Milano la Campania delle startup

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Dall’intelligenza artificiale alla blockchain per il processo alimentare, dall’efficientamento dei processi produttivi (con un occhio sempre più attuale al risparmio energetico) alle videochiamate con realtà aumentata, in grado di farci visualizzare in tempo reale rendering e oggetti, annotazioni e disegni.  

Aguzza l’ingegno e si rimbocca le maniche la Campania delle startup, ancora una volta in prima linea, a conferma di un fermento che da tempo attraversa la regione e che trova conferma nei numeri: oltre 1300 quelle nate negli ultimi cinque anni (620 nel solo Comune di Napoli), con un’attenzione spiccata nei fronti della sostenibilità, dell’efficienza energetica, dell’economia circolare e delle fonti rinnovabili.

E una “delegazione” di 18 startup made in Campania parteciperà, l’11 e il 12 ottobre, alla prossima edizione di Smau, evento di riferimento sui temi dell’innovazione per le imprese. A Milano in programma workshop, momenti di networking, tavole rotonde e live show, appuntamenti destinati ad accrescere le occasioni e le opportunità per fare business e stringere nuove alleanze, possibilmente dal profilo internazionale.

“Quando l’innovazione scende in campo – commenta Valeria Fascione, assessora alla Ricerca, Innovazione e Startup della Regione Campania – la Campania è sempre presente, puntando sulla nuova imprenditorialità con 18 Startup regionali che porteranno a Milano la loro offerta di prodotti e servizi innovativi. Questa è un’occasione importante per presentare le tendenze evolutive che fanno della Campania una piattaforma di innovazione dinamica che attrae talenti, imprese e capitali”.

“Mai come in questa edizione le aziende sono alla ricerca di soluzioni concrete e rapide alle sfide che si trovano a fronteggiare in questi ultimi mesi. – spiega Valentina Sorgato, amministratore delegato di Smau – Sono convinta che questo scenario possa aprire importanti opportunità alle startup che sapranno farsi trovare pronte con proposte innovative già validate sul mercato. Con Smau vogliamo favorire questi incontri per accelerare il cambiamento e dare l’opportunità alle startup di essere parte attiva in questo processo”.

Ma quali sono le realtà campane che parteciperanno a Smau Milano? E di cosa si occupano?
Arcadia, per esempio, è uno spin-off accademico dell’università Federico II: il suo obiettivo è realizzare applicazioni, basate su una piattaforma hardware e software, per una didattica e una formazione innovativa, che sia incentrata sulla realtà aumentata, virtuale o mista. A partire dall’oggetto fisico, si realizza il suo gemello virtuale mediante scansione 3D e tecniche di computer grafica per produrre soluzioni per la didattica in realtà aumentata, telecontrollo di strumenti, apparecchiature e attrezzi, telemedicina.

AIM – Artificial Intelligence Monitoring è invece una startup innovativa che offre un servizio alle PMI nel settore manifatturiero, ed in particolare, nella fase iniziale, della fabbricazione di prodotti metallici e del packagin: l’idea è di minimizzare i danni subiti nelle realtà aziendali dal “downtime” e gestire al meglio l’efficientamento del processo produttivo, con attenzione alle imprese con un parco macchine che necessita di costante manutenzione.

Arriva da Salerno Enismaro, che offre una soluzione end-to-end in grado di tracciare il processo di produzione alimentare in maniera oggettiva, permettendo agli attori della catena alimentare di concordare alcune condizioni che devono essere rispettate (ad esempio, il monitoraggio della catena del freddo) e di abbattere il divario di informazioni, aumentando la trasparenza nel processo. E ancora: Esthar è una startup innovativa che opera nel settore ICT con focus su R&D e tecnologie emergenti: il suo obiettivo è estendere le funzionalità di una semplice videochiamata integrando le potenzialità della realtà aumentata.

Farzati Tech S.r.l., startup salernitana, si impegna nella ricerca e nello sviluppo di tecnologie per migliorare la qualità della vita dell’individuo con innovativi sistemi di tracciabilità per la filiera agroalimentare, tutelando – anche in questo caso – sicurezza e trasparenza dal campo alla tavola.

Da Caserta arriva GAV Projects, che si occupa della progettazione di opere di ingegno applicate alla realtà virtuale e alla realtà aumentata, oltre che dello sviluppo o elaborazione di prodotti, applicazioni e servizi innovativi ad alto valore tecnologico. Nasce come startup anche l’Incubatore Campano, che volge attività di supporto a proponenti o alle startup innovative già costituite con ricerca di finanziamento o partecipazione in equity, con spazi coworking a Caserta, Benevento, Avellino, Napoli, Salerno e Lucca.
Innovation4HR è invece una startup innovativa nata nel 2019: nel corso di SMAU presenta HRTime, un software gestionale corredato da app, in continuo aggiornamento, dedicato a tutti i processi nel campo delle risorse umane, partendo dalla gestione del tempo, passando per l’analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi. L’obiettivo? Garantire una gestione inclusiva, meritocratica e oggettiva al fine di ottenere un reale vantaggio economico e competitivo attraverso il benessere dei dipendenti.

La startup Mazer ha sviluppato la piattaforma di Marketing Conversazionale Laila, in grando di aumentare le vendite e di migliorare la brand reputation, attraverso un’esperienza di acquisto gratificante e un customer service emozionale. Relazionandosi con il pubblico via chat, in maniera fluida e informale, assiste gli utenti pre e post-vendita e persegue gli obiettivi strategici di marketing prestabiliti.

Il Lanificio Digitale è un Open Innovation Hub che promuove programmi di innovazione sostenibili; Logogramma sviluppa soluzioni per l’efficientamento dei processi aziendali, integrando tecniche di Machine Learning, Deep Learning e Natural Language Processing con la tecnologia dei grafi e la creatività del gaming; Materica Lab offre servizi nell’ambito della diagnostica e la caratterizzazione delle proprietà chimico-fisiche dei materiali, nel campo dell’ingegneria, l’ambiente e i Beni Culturali, attraverso l’impiego di metodologie analitiche di precisione. Maintenance Urban Sharing Tool S.r.l. propone sul mercato l’App MUST per sperimentare e valorizzare un servizio partecipativo di manutenzione e gestione del patrimonio costruito, garantirne nel tempo la qualità prefissata, prevedendo e prevenendo i processi di modificazione prestazionale.

E ancora: Nexting s.r.l. è una startup innovativa nata nel 2017 e posizionata nel settore del broadcast; PAC crea e gestisce siti che offrono un innovativo metodo di distribuzione abbigliamento online in leasing; ReverseUp si occupa di trovare soluzioni tecnologiche innovative nei settori dell’efficienza energetica, dell’energia rinnovabile, dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale; To Be sviluppa soluzioni Li-Fi per esaltare le potenzialità della luce, connettere cose e persone in modo sostenibile e smart; Unobravo nasce per sostenere gli italiani residenti all’estero, per poi diventare un punto di riferimento per la psicoterapia online in lingua italiana, abbattendo lo stigma che ancora persiste attorno al tema della salute mentale e creando un mondo in cui andare dallo psicologo sia considerato normale.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/10/10/news/dallintelligenza_artificiale_alla_blochchain_a_smau_milano_la_campania_delle_startup-369452428/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?