giovedì, 1 Dicembre, 2022
11.3 C
Napoli

Denise Capezza, da Gomorra a Cronenberg: “Ora sono l’avvocato che fa perdere la testa a Malinconico”

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Lei è bella, è un avvocato in carriera e fa perdere la testa all’avvocato di insuccesso Vincenzo Malinconico, ovvero Massimiliano Gallo. Lei è Denise Capezza, l’attrice 32 anni che abbiamo scoperto nel ruolo di Marinella nella serie Gomorra, da stasera su Rai 1 alle 21.25 e per quattro giovedì vestirà i panni dell’avvocato Alessandra Persiano di cui Malinconico, il personaggio tratto dai romanzi di Diego de Silva, a modo suo è follemente innamorato nella serie “Vincenzo Malinconico- Avvocato d’insuccesso” diretta da Alessandro Angelini.

La ex moglie è Teresa Saponangelo, la suocera Lina Sastri, il suo aiutante biondo ossigenato, gregario della camorra, è interpretato da Francesco Di Leva. Nel cast anche Giovanni Ludeno e Michele Placido. Denise Capezza, 32 anni, formazione da ballerina, esordi da attrice protagonista a 21 nella serie tv turca “Uriçum” che l’ha portata a vivere per quattro anni ad Istanbul, l’anno scorso è stata scelta dal visionario regista canadese David Cronenberg che l’ha trasformata in Odile, un’artista della performing art che si sfregia il viso davanti al pubblico nel suo ultimo film “Crimes of The Future” con Viggo Mortensen, Léa Seydoux e Kristen Stewart, presentato in concorso alla 75esima edizione del Festival di Cannes. Vedremo presto Denise Capezza, già interprete delle serie “Bang Bang Baby” e “Baby”, in un altro progetto internazionale la serie “Unwanted” girata su una nave da crociera tratto dal libro di Fabrizio Gatti “Bilal”, romanzo inchiesta sui migranti. 

Denise Capezza, tanti progetti, ma andiamo con ordine. Tra poche ore la vedremo su Rai1 accanto a Malinconico. Come andranno le cose con l’avvocato di insuccesso che è innamorato perso di lei? 

“E’ perso di Alessandra Persiano, ma è anche perso tra le proprie cose… Malinconico è innamorato ma la terrà sul filo del rasoio. Come ha detto Diego de Silva, Alessandra nei romanzi è una femme fatale, ma nella trasposizione tv è molto sicura di sé, potrebbe a volte sembrare saccente, invece è dolce e ha una grande empatia. Ha il piglio delle donne in carriera, come dice Diego, è brava e professionale ed è una donna che vive un sogno d’amore. Sa vincere e lottare e con Malinconico vivrà una storia d’amore adolescenziale costellata da malintesi, fraintendimenti tira e molla, ma proverà a costruire questo sogno d’amore. Il personaggio di Alessandra mi piace molto perché scardina il luogo comune avvocatessa di successo, anche se volteggia all’interno del tribunale tra stile ed elegante, non è mai arrogante e servile, è gentile e alla mano. Di Malinconico le piace il suo essere puro, la sua autenticità. Lui non è il principe del foro, è un buffo ma molto intelligente e la fa ridere tanto, dice con aria scanzonata cose importanti.  E’ un uomo sfuggente ma simpatico. Pur amandosi avranno difficoltà a costruire una storia”. 

Come è stato recitare accanto a Massimiliano Gallo?

“E’ bravo, trainante, ha una grande capacità di improvvisazione. Per lui improvvisare è una cosa seria. E’ stato bello condividere con Massimiliano questo ruolo luminoso di donna che aspettavo da tempo dopo personaggi oscuri che ho interpretato. Sono convinta che un attore si può trasformare in qualsiasi cosa, bisogna abbattere i muri dell’estetica che ormai impera a causa dei social. Ed è importante che le donne abbiano ruoli di tutti i tipi, anche se hanno un aspetto gradevole. La bella non deve fare per forza la bella”. 

Come è stato essere scelta dal maestro Cronenberg?

“Una grande esperienza, ho lavorato con divi umili e bravissimi, Viggo, Lea e Kristen, li ho ritrovati a Cannes, è stato molto stimolante confrontarmi con loro. David voleva un personaggio dall’accento straniero non identificabile, ho mandato un provino con un selftape, poi abbiamo fatto una videochiamata: mi ha preso. Sono volata ad Atene e abbiamo iniziato a girare. Mi ha affidato un ruolo forte, una donna che si provoca tagli profondissimi sul viso, nel film la chirurgia è la nuova frontiera del sesso. Lui è un visionario, si basa sul concetto di transumanesimo, gli uomini si sincronizzano con le macchine. David mette in scena la verità, scandaglia l’animo umano, non realizza semplici horror, basti pensare che per lui una delle storie più tristi del cinema è Dumbo, il cartoon. E’ un intellettuale, esistenzialista”.

E’ stata diretta da Paolo Sorrentino nello spot del Campari, le piacerebbe fare un film con lui?

“Certo molto, è un visionario anche lui, è un grande talento internazionale della nostra città”. 

Lei recita in inglese, ha iniziato in Turchia addirittura in turco, in Bang Bang recita in catanzarese, le piace trasformarsi?

“Mi piacciono le lingue e i dialetti, aver esordito all’estero mi ha dato la capacità di esplorare nuovi orizzonti da subito. Ho imparato il turco in un mese. Gomorra mi ha dato la notorietà internazionale, è importante non rimanere legati ad un ruolo ma affrontare sempre nuove sfide. La prossima sarà un film in dialetto romanesco… ma per ora non posso dire ancora molto”. 

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/10/20/news/denise_capezza_da_gomorra_a_cronenberg_ora_sono_lavvocato_che_fa_perdere_la_testa_a_malinconico-370916864/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?