giovedì, 16 Settembre, 2021
27.3 C
Napoli

Einaudi a Latronico, fuori programma per ricordare la piccola Chiara

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Stefania aveva un sogno: incontrare il maestro Ludovico Einaudi e raccontargli la storia della sua piccola Chiara e di come l’ascolto del brano “I Giorni” le abbia fatto compagnia durante il suo ricovero nel reparto di terapia intensiva all’ospedale del Ponte di Varese, prima che volasse via come una farfalla il 21 ottobre del 2016. Dai suoi 59 straordinari giorni di vita è nata un’associazione e un libro, “L’aria di Chiara”.

Stefania Martino, lucana originaria di Nemoli ma residente in Lombardia, dopo tanti tentativi non riusciti, ha potuto finalmente incontrare il maestro e dirgli personalmente grazie, omaggiandolo con una delle copie del libro. Il tutto, dopo aver inviato una richiesta di aiuto al sindaco di Latronico (Potenza), Fausto De Maria.

La città delle terme ha ospitato un concerto del compositore italiano lo scorso 6 agosto. Per l’occasione, prima dell’esibizione, Stefania non solo ha potuto realizzare il suo desiderio ma le è parso di vivere un sogno quando il maestro ha suonato “I Giorni” fuori scaletta, dedicandolo alla piccola Chiara.

“Durante i giorni in ospedale – scrive Stefania nella lettera al sindaco di Latronico – una dottoressa musicoterapista faceva ascoltare delle canzoni ai bimbi ricoverati (generalmente tutti bimbi prematuri), e la melodia preferita da Chiara era proprio la musica del maestro Ludovico Einaudi, tra tutte “I giorni”. Quando ascoltava I Giorni si emozionava, iniziava a muovere i piedini, si tranquillizzava, la dottoressa ci diceva che senza dubbio era la sua canzone preferita”.  Da qui la volontà di fargli conoscere la sua storia.

L’associazione La Casa di Chiara si occupa di raccogliere fondi per la ricerca scientifica all’ospedale San Raffaele di Milano e per l’acquisto di apparecchiature mediche presso vari ospedali. Grazie alla generosità dei lucani, sono stati  donati un cardiomonitor e un birilubinometro all’ospedale di Lagonegro.

“Mi ha regalato un sogno”, sono le parole di Stefania che su Facebook, ringraziando il sindaco, ha reso pubblica la sua storia. “Io ringrazio il Signore per aver conosciuto delle persone straordinarie che, nel dolore di una tragedia, hanno saputo dare tutto il loro cuore per gli altri proprio nel ricordo della loro figlia Chiara”, ha commentato De Maria.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/08/12/news/einaudi_a_latronico_fuori_programma_per_ricordare_la_piccola_chiara-313812640/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?