venerdì, 24 Settembre, 2021
23.1 C
Napoli

G20 a Napoli, il direttore generale della Fao in visita alle eccellenze della produzione agricola campana

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

In occasione del G20 di Napoli, il direttore generale della Fao, Qu Dongyu e il suo vice, Maurizio Martina hanno fatto visita ad alcune realtà produttive che rappresentano le eccellenze agroalimentari della Campania e che sono conosciute in tutto il mondo.

A promuovere ed accompagnare i vertici dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura in questo tour, l’assessore regionale all’Agricoltura Nicola Caputo. Una visita ufficiale alla scoperta delle eccellenze agroalimentari della Campania che parte dalla Costiera Amalfitana, con prima tappa a Tramonti  per visitare l’Azienda Buonocore e poi a Minori presso la Costieragumi dove si producono i pregiatissimi Limoni della Costa d’Amalfi Igp, considerati l’oro giallo della Costiera.

Altra tappa, tra le viti a strapiombo sul mare di Furore per osservare da vicino la viticoltura e in cantina per i vini dell’Azienda vitivinicola Marisa Cuomo. Ad accogliere la delegazione FAO, accompagnati dall’assessore Caputo, c’erano il presidente del Consorzio del Limone Igp Costa d’Amalfi Angelo Amato, il direttore Chiara Gambardella e il presidente dell’organizzazione dei produttori, Carlo De Riso.

Dalla Costiera poi ci si è spostati nella provincia di Caserta per portare la delegazione della Fao  a conoscere da vicino la regina delle produzioni della regione, la Mozzarella di Bufala Campana Doc, con una visita alle Fattorie Garofalo, uno degli allevamenti di bufale più grandi del Mondo. Qui, la delegazione Fao ha visitato uno dei più grandi allevamenti bufalini del gruppo, forte di circa 3000 capi e dotato di un moderno impianto per la produzione di energia elettrica sia da fotovoltaico che da biogas.

“In questa giornata ho  avuto la possibilità di visitare industrie e aziende agricole, vere eccellenze, che lavorano duro in luoghi anche difficoltosi da raggiungere – ha detto il direttore generale della FAO Qu Dongyu –  ho visto varie produzioni dalla frutta al vino alla mozzarella, e in forme innovative e tradizionali utilizzate insieme. Noi così tuteliamo biodiversità e quindi il consumatore del futuro.  Investire di più in questo genere di agricoltura significa aprire le porte all’export verso altri Paesi di queste produzioni.”

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/07/23/news/g20_a_napoli_il_direttore_generale_della_fao_in_visita_alle_eccellenze_della_produzione_agricola_campana-311467995/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?