venerdì, 17 Settembre, 2021
26.5 C
Napoli

Gaetano e Ilenia, i primi meteorologi laureati alla Parthenope

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Laureati in scienze e tecnologie della navigazione. Ma con l’attestato di meteorologi. Un lasciapassare per interpretare l’andamento locale del tempo atmosferico e il corrispondente clima, rispondendo a una delle più significative esigenze della contemporaneità: essere in grado, con sempre maggiore anticipo, di prevedere i fenomeni meteorologici.

Si chiamano Gaetano Genovese e Ilenia Manco i primi due studenti abilitati a farlo attraverso il percorso accademico in un’università del Sud Italia, nella fattispecie la Parthenope di Napoli, la prima a seguire l’esempio di Bologna, L’Aquila, Roma e Trento.  

“I laureati avranno competenze uniche e particolarmente attuali in uno scenario di mutamenti climatici in atto e di attenzione crescente al consumo consapevole del suolo”, spiega il direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie, Giorgio Budillon. “Gli sbocchi professionali sono sempre più interessanti: agenzie regionali, Protezione civile, l’agenzia nazionale ItaliaMeteo. – prosegue – I nuovi scenari attribuiranno un ruolo sempre più importante alla meteorologia. Già oggi c’è una richiesta elevata di professionisti che non siamo in grado di soddisfare:  garantire ai laureandi campani e meridionali l’ottimizzazione del percorso di laurea è senz’altro un importante incentivo”.


E chissà dunque che una delle professioni in crescita del terzo millennio non eserciti un appeal sempre più consistente sui cosiddetti Millennials. Intanto alla particolare seduta di laurea di oggi, svolta in modalità telematica, hanno partecipato il Rettore Alberto Carotenuto, di Budillon e dei coordinatori dei corsi di studio, i docenti Stefano Pierini  e Claudio Parente. Ospiti anche il generale dell’Aeronautica Militare Luigi Baione – rappresentante permanente presso la World Meteorological Organization – ed il professore Dino Zardi, presidente della Associazione Italiana Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia, che hanno sottolineato l’importanza dei processi di ricerca, digitalizzazione e transizione ecologica in questi ambiti che hanno prospettive enormi di sviluppo nei prossimi anni. 

“Quello per diventare meteorologi è un percorso impegnativo – aggiunge Budillon – poiché gli studenti effettuano anche il tirocinio presso il Centro Meteo dell’Università e arrivano quindi al conseguimento del titolo con una solida esperienza sul campo. D’altra parte il Centro Meteo della Parthenope da anni lavora al fianco di enti ed istituzioni”. Proprio così: l’università Parthenope ha già collaborato, peraltro, con la Regione Campania per le previsioni meteo nel corso delle ultime Universiadi e con la Società Autostrade per il monitoraggio delle condizioni meteo nei principali valichi. Gli studenti hanno conseguito la formazione di base di Meteorologo/Meteorologist ai sensi della disciplina della WMO (World Meteorological Organization): l’università Parthenope è peraltro consorziata con l’Università del Salento per il Master di II livello in “Meteorologia ed Oceanografia Fisica”, percorso alternativo – e più lungo – per il conseguimento dei crediti formativi richiesti dalla WMO.

 

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/04/19/news/gaetano_e_ilenia_i_primi_meteorologi_laureati_alla_parthenope-297159615/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?