giovedì, 30 Giugno, 2022
29.7 C
Napoli

Giornata Internazionale del Rifugiato

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Il 20 giugno si celebra la
Giornata Mondiale del Rifugiato, appuntamento annuale voluto dalle Nazioni
Unite per riconoscere la forza, il coraggio e la perseveranza di milioni di
persone costrette a fuggire nel mondo a causa di guerre, violenza, persecuzioni
e violazioni dei diritti umani
. Per
celebrare questa importante ricorrenza nella nostra città,  l’Assessorato alle Politiche Sociali del
Comune di Napoli, in collaborazione con l’UNHCR, ha coordinato l’organizzazione
di un programma di iniziative interculturali volte a sensibilizzare i cittadini
e ideate dagli stessi rifugiati attraverso il lavoro del SAI (Sistema
Accoglienza Integrazione del Comune di Napoli), della Consulta degli
Immigrati del Comune di Napoli,
di altri enti del Terzo Settore impegnati
sui temi dei diritti e dell’accoglienza.
La Giornata si apre alle ore 9:30 con una  breve passeggiata interculturale (su prenotazione) seguendo le bravissime guide di Migrantour Napoli.

Prima tappa: Il Cantastorie, museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli, Via dei Tribunali
214
, dove grazie al  prezioso
contributo  dello  scrittore di origine algerina Tahar Lamri e
ai documenti conservati nell’archivio, sarà possibile rivivere la storia della
città tra il ‘600 e il ‘700,  quando
Napoli fu una piazza di scambio, riscatto e compravendita di schiavi. 

Il programma della Giornata
continua con il seguente programma con ingresso libero:
ore 15: Seminario sui Diritti dei
Rifugiati
presso la sala della Loggia del
Maschio Angioino, in collaborazione con il SAI Napoli ore 17:00: evento musicale di
sensibilizzazione “La festa dei Popoli”,
 
presso l’Anfiteatro di Piazza Garibaldi, in collaborazione con la Consulta
degli Immigrati e il SAI Napoli. ore 19:30, Arte, Musica,
Filantropia
, Largo S. Giovanni Maggiore
Pignatelli, presso il Kestè, in collaborazione con Associazione Volia e
Consolato dell’Ucraina a Napoli.

Fonte: https://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/45216

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?