mercoledì, 27 Ottobre, 2021
19.7 C
Napoli

Green Pass, il presidio della Cgil di Napoli: “Noi argine a fascismo ed eversione”

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

La mobilitazione è scattata subito ieri sera e il presidio davanti alla Cgil di via Toledo è continuato questa  mattina per “per dare un segnale forte di presidio democratico e in difesa dei nostri valori, della nostra storia contro i fascisti” afferma il sindacato.

“Quello alla sede della Cgil di Roma è un attacco fascista premeditato di chi pensa di far ritornare questo paese 50 anni indietro, noi resisteremo perché il sindacato rappresenta il presidio democratico in questo Paese. Resisteremo, non ci faremo intimorire e siamo qui per ribadire i nostri valori – afferma il segretario generale Cgil Napoli e Campania Nicola Ricci – quello che è accaduto è di una gravità inaudita: si permette a neofascisti di manifestare liberamente attaccando sedi di organizzazioni che hanno rappresentato nella storia della Repubblica un argine all’eversione e un baluardo a difesa della democrazia. Non risponderemo a provocazioni di sorta – conclude Ricci – ma chiediamo il ripristino della legalità e la tutela degli uomini e delle donne della nostra organizzazione”. La mobilitazione è continuata questa mattina nonostante la pioggia battente.

“Oggi la sede della Camera del Lavoro di Napoli – spiega il segretario organizzativo Cgil Napoli e Campania, Giuseppe Metitiero – resterà aperta in concomitanza con l’assemblea generale della Cgil nazionale, convocata d’urgenza a Roma, dopo l’atto squadrista di matrice fascista che ha colpito ieri la sede nazionale, devastata da quattro criminali. Si è trattato di un attacco al mondo del lavoro e alla democrazia del Paese, che evidentemente non ha fatto ancora i conti del passato. Chiediamo che venga applicata la legge Scelba e che queste organizzazioni vengano dichiarate illegali e sciolte”.  

Solidarietà alla Cgil anche dai lavoratori della Whirpool: “Difendere i propri diritti e manifestare sono espressioni massime della nostra democrazia, noi in 860 giorni di resistenza abbiamo manifestato ovunque, anche a Roma, con fermezza con forza ma mai con violenza perché la lotta per I propri diritti racchiude anche la dignità di ogni individuo”. Gli operai della fabbrica di via Argine chiusa dal colosso americano aggiungono: “Chi attacca le sedi sindacali, attacca tutti i lavoratori e la loro libertà di organizzarsi per essere più forti e far sentire la propria voce. Stigmatizzato in maniera ferma e inequivocabile l’assalto alla sede Nazionale della Cgil, un atto che offende e lede direttamente e indirettamente il diritto a manifestare dei lavoratori. I lavoratori della Whirlpool oggi più di prima sono al fianco dei sindacati confederali e di tutti coloro che manifestano civilmente per difendere la democrazia e i diritti propri e degli altri. Napoli non molla”.

Sull’assalto squadrista a Roma dei neo fascisti mischiati ai “no green pass” interviene anche il neo sindaco Gaetano Manfredi: “Piena solidarietà alla Cgil per la vile aggressione subita durante la manifestazione di no vax e no green pass a Roma. Il sindacato rappresenta un presidio di democrazia e libertà di pensiero: saremo in prima linea per contrastare ogni forma di violenza. La democrazia ha anticorpi forti contro la guerriglia messa in campo a Roma nei confronti della Cgil e delle forze dell’ordine”. E per la neo consigliera comunale Alessandra Clemente “l’attacco a Roma, è un atto gravissimo. Condanno senza se e senza ma qualsiasi gesto di violenza ed esprimo vicinanza al lavoro delle forze dell’ordine e ai cittadini romani che hanno visto la propria città diventare palcoscenico di violenza inaccettabile”.

Si unisce alla solidarietà al sindacato anche Enza Amato, consigliera donna più votata alle amministrative di Napoli: “Sarò sempre per la difesa della democrazia e contro lo squadrismo e la violenza reazionaria. Al sindacato e ai poliziotti feriti la mia solidarietà politica e umana”. Sul tema dei vaccini Amato aggiunge: “Sono vaccinata e convinta che sia questa la strada giusta per uscire dalla pandemia. La tutela dal virus nei luoghi di lavoro e la salute dei lavoratori sono un dovere dello Stato, del Sindacato e delle Imprese. Pur ritenendo sempre legittimo manifestare le proprie idee – sottolinea l’ex consigliera regionale – non ritengo tollerabile nessun tipo di sopraffazione fisica, la dittatura delle idee e la violenza fascista che si è consumata ieri”.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/10/10/news/assalto_alla_sede_della_cgil_presidio_in_via_toledo_noi_argine_a_fascismo_ed_eversione_-321609767/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?