sabato, 1 Ottobre, 2022
18.9 C
Napoli

Ischia Film Festival, Matilda De Angelis conquista tutti

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

L’elegante bellezza di Matilda De Angelis, in abito verde salvia mentre sfila sul red carpet del Castello aragonese, è il punto esclamativo sull’ultima serata della ventesima edizione Ischia Film Festival. Approdata su un gozzetto ischitano ai piedi del Castello aragonese, l’attrice ha introdotto, insieme con la regista spagnola Paula Ortiz, l’anteprima europea di “Across the river and into the trees”, ispirato all’ultimo romanzo di Ernest Hemingway e ambientato nel secondo Dopoguerra a Venezia.

Classe 1995, bolognese, De Angelis interpreta la giovane contessa che accende nel protagonista, il colonnello Cantwell, eroe di guerra e malato terminale, la speranza di un rinnovamento. “Una storia contro la guerra, sulla vita e sulla bellezza, oggi più che mai necessaria”, ha sottolineato Paula Ortiz. Matilda, già ospite in passato del Festival, si è lasciata “coccolare” dall’atmosfera della rassegna, che le aveva già portato fortuna: tra il 2017 e il 2021 ha ottenuto tre candidature al David di Donatello, aggiudicandosi quella come migliore attrice non protagonista per la sua interpretazione nel film “L’incredibile storia dell’Isola delle Rose”, con la regia di Sydney Sibilia.

Nella serata finale del festival, impreziosito quest’anno dalla presenza – tra gli altri – di Toni Servillo, Silvio Orlando, Leonardo Di Costanzo, Lello Petrolo, Gianfranco Gallo, Diego De Silva e Denise Capezza, sono stati assegnati i riconoscimenti della giuria. Miglior lungometraggio è Anatolian Leopard di Emre Kayis, una pellicola singolare, ambientata nello zoo più antico della Turchia, dove un direttore solitario e una segretaria trascurata formano un legame improbabile, per impedire il processo di privatizzazione della struttura.

Il premio per la Miglior Regia è invece andato a Riccardo De Cal per il lungometraggio “Oltre Le Rive”, un racconto sul rapporto tra il territorio dove scorre il fiume Piave e le vite delle donne e degli uomini che lo abitano. Tra gli altri premi: Miglior Fotografia per Vahid Biuote con  “Hoopoe”; Miglior Scenografia per Jose Tirado con  “Across the river and into the trees”; per la sezione “Location Negata” il Miglior Lungometraggio è “Singing in the Wilderness” di Dongnan Chen. Miglior Cortometraggio “Lili Alone” di You Jing. Menzione speciale a “Terra Dei Padri” di Francesco Di Gioia. Per la sezione “Cortometraggi in concorso”, premiati ex aequo “To Vancouver” di Artemis Anastasiadou e “North Pole” di Marija Apcevska. Menzione speciale per “Sandstorm” di Seemab Gul. La sezione “Scenari Campani” ha premiato “Viva Viviani” di Stefano Martone e Mario Martone come Miglior Lungometraggio e  “Amici per la pelle” di Angela Bevilacqua come Miglior Cortometraggio.
 

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/07/04/news/ischia_film_festival_matilda_de_angelis_conquista_tutti-356557699/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?