giovedì, 8 Dicembre, 2022
11.6 C
Napoli

Morirono nel crollo della loro casa: profanata la cappella

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Profanata la cappella. Rubati dal cimitero di Torre Annunziata i ricordi di due vittime innocenti. Erano tra i pochi oggetti recuperati dalle macerie che il 7 luglio del 2017 inghiottirono una intera famiglia. Il joystick con cui Salvatore giocava al computer e il porta cellulare di Francesca non sono più, da tre giorni, accanto alle tombe del bimbo morto a otto anni e di sua sorella più grande. “Restituiteli, per noi hanno un valore enorme. Gli unici ricordi di vite distrutte” è l’appello dello zio. Alfredo Duraccio denuncia: “Un atto di sciacallaggio. Rende ancora più dolorosa la nostra ferita”.

Un gesto ignobile nei confronti della cappella della famiglia Guida, in cui sono stati sepolti i genitori e i due figli. Morti insieme, seppelliti dal cumulo di macerie in cui in pochi attimi si trasformò la loro casa. Vittime, con altre quattro persone, del crollo del palazzo in cui abitavano ed erano stati felici. Sono spariti gli oggetti dei due fratelli, che i parenti avevano deciso di lasciare nella cappella come testimonianza di quella che era stata la loro vita prima del crollo. Una palazzina venuta giù a via Rampa Nunziante a Torre Annunziata non per una fatalità. Nel luglio del 2021 il processo si è chiuso con la condanna in primo grado di dieci persone, tra tecnici e propietari dell’immobile in cui erano in corso lavori di ristrutturazione. 

Incredulità e rabbia nelle parole con cui lo zio dei due bambini denuncia in queste ore quanto è avvenuto al cimitero. Racconta con sdegno Alfredo Duraccio: “In questi giorni la cappella al cimitero che ospita i nostri cari e stata oggetto di sciacallaggio e razzie di  cimeli. Ragion per cui a breve non sarà piu possibile entrare per un  saluto poiché verrà chiusa”. Poi auspica la conclusione rapida del processo d’Appello il cui inizio è fissato nel gennaio 2023: “Abbiamo già dato troppo per questa città e aspettiamo ancora che sia fatta giustizia nel più breve tempo possibile”.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/04/04/news/morirono_nel_crollo_della_loro_casa_profanata_la_cappella-344152767/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?