domenica, 19 Settembre, 2021
26.9 C
Napoli

Morto il critico musicale Paolo Isotta

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

È morto questa mattina a Napoli nella sua casa di Corso Vittorio Emanuele Paolo Isotta, una delle più autorevoli voci della musicologia italiana. Autore di alcuni dei più importanti saggi sui massimi compositori italiani, da Paisiello a Rossini, da Donizetti a Verdi, Isotta aveva 70 anni ed era professore emerito del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli. Nel 1974 l’assunzione come critico musicale al Giornale di Indro Montanelli e nel 1980 il passaggio al Corriere della Sera, dove continuerà la sua attività di critico fino al 2015. Aveva diretto le collane Musica e Storia per Mondadori e La Musica per Rusconi. Dall’ottobre 2015 inizia la sua collaborazione su Il Fatto Quotidiano. Dal 2018 collabora anche con il quotidiano Libero. Dal febbraio 2019 era diventato professore Emerito del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.

Noto anche per la sua ‘vis polemica’, Isotta insegna ai Conservatori di Reggio Calabria, Torino e Napoli, ma abbandona l’insegnamento nel 1994 “per progressiva intolleranza verso gli allievi attuali”. La sua carriera di critico musicale inizia invece al ‘Giornale’ di Indro Montanelli, nel 1974, per poi passare al ‘Corriere della Sera’ nel 1980, dove rimane fino alla pensione. In quegli anni pubblica molti elzeviri che, grazie alla sua competenza e al suo stile di scrittura ricercato e raffinato, gli fanno vincere il Premiolino nel 1990.
Dirige con Piero Buscaroli le collane ‘Musica e Storia’ per Mondadori e ‘La Musica’ per Rusconi e scrive anche diversi saggi su Antonio Caldara, Gioachino Rossini (‘I diamanti della coronà del 1974 e ‘Per una lettura de ‘Il Turco in Italià di Rossinì del 1984), sull’influenza della musica sull’opera di Thomas Mann (‘Il ventriloquo di Diò del 1983) e ancora su Paganini, sul direttore d’orchestra Victor De Sabata e l”Omaggio a Renata Tebaldì del 2002.

Poi il silenzio fino al 2014, quando appare per Marsilio ‘La virtù dell’elefantè, un libro vincitore del Premio Acqui Storia nel 2015 in cui racconta la sua lunga esperienza di critico musicale ma anche di uomo, togliendosi diversi sassolini dalle scarpe. “Non è il libro della mia vita, è il libro di una vita”, dice lo stesso Isotta de ‘La virtù dell’elefantè, in cui pubblica anche diverse foto della sua famiglia e dei suoi amati cani. A questo volume ne seguono molti altri, fino a ‘Verdi a Parigi’ pubblicato da Marsilio nel 2020.

Nota la sua polemica nei confronti del direttore d’orchestra Claudio Abbado che contrapponeva a Riccardo Muti del quale è stato grande amico fino a qualche anno fa. Ne ‘La virtù dell’elefantè dedica ampio spazio sia ad Abbado che a Muti, dopo avere pubblicato nel 2013 un articolo fortemente critico nei confronti del direttore d’orchestra Daniel Harding e, indirettamente, di Claudio Abbado. Articolo che gli costa il divieto di entrare al Teatro alla Scala dopo che l’allora sovrintendente Stéphane Lissner lo dichiara “persona non gradita”.

Dopo l’addio al Corriere della Sera del 16 ottobre 2015 con un famoso articolo apparso sul quotidiano di Via Solferino (“Torno a essere un musicista e null’altro che questo. Col presente articolo si chiude la mia attività di critico musicale svolta per più di quarantadue anni”), Isotta si dedica allo studio e alla pubblicazione di nuovi libri, ma parallelamente collabora con Il Fatto Quotidiano, dove scrive di musica, cultura, politica e costume e, dal 2018, con Libero. Tra i premi ricevuti, nel 2017 c’è l”Isaiah Berlin’, conferitogli “per altissimi meriti culturali”, dopo Mario Vargas Llosa, Ralf Dahrendorf, Giuseppe Galasso, Giovanni Sartori, Andrea Carandini e molti altri.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/02/12/news/morto_paolo_isotta_critico_musicale-287237930/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?