sabato, 25 Giugno, 2022
29.6 C
Napoli

Morto per Covid, prosciolti dieci medici tra Napoli e Sorrento

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Fu vittima dell’emergenza sanitaria. Luigi Starita non è morto per l’incapacità di chi doveva salvargli la vita e non ci riuscì. E’ stata colpa del Covid. Sono stati prosciolti i dieci medici accusati di omicidio colposo tra Napoli e la penisola sorrentina. Il pensionato di Piano di Sorrento entra nella lista dei pazienti deceduti per la situazione drammatica determinata in provincia di Napoli dall’epidemia, quando tra il febbraio e il marzo del 2020 il virus cominciava a diffondersi in Campania e i medici, fuori e dentro gli ospedali, fronteggiavano a mani nude l’onda di malati che arrivava nei pronto soccorso senza riuscire più a respirare. Una battaglia senza armi, in assenza della possibilità di intervenire con diagnosi veloci e soprattutto mancando terapie efficaci.

Inquadrano così il suo caso i magistrati di Torre Annunziata chiudendo, dopo due anni, una pagina giudiziaria aperta nel luglio del 2020 e che, in quella fase inziale dell’epidemia, sembrava destinata a fare da apripista ad una serie di sentenze di malasanità per il ripetersi di storie di attese ed errori nelle cure contro il virus capace di uccidere in pochi giorni. Invece i dieci medici finiti nell’inchiesta sulla morte del pensionato sorrentino di 75 anni, avvenuta il 30 marzo del 2020, hanno visto archiviata la vicenda giudiziaria in cui risultavano coinvolti in fase di indagini preliminari. Il gip di Torre Annunziata, Antonello Anzalone, ha accolto nella giornata di ieri la richiesta di archiviazione avanzata dallo stesso pubblico ministero, Antonio Barba, che aveva ascoltato la richiesta di giustizia arrivata dalla figlia e dalla moglie del paziente a cui fu diagnosticato il Covid solo pochi giorni prima della fine.

Quando ormai era troppo tardi. Dall’8 al 19 marzo Luigi Starita venne curato a casa e con cortisone e sciroppo. “Nessuno è venuto mai a visitarlo” denunciò la figlia Viviana. La sua famiglia, poi, ha sottolineato più volte che l’uomo era in buone condizioni di salute e non è stato curato adeguatamente né all’ospedale di Sorrento né nella struttura Covid del Loreto Mare, dove venne trasferito quando ormai la situazione era precipitata. Un dramma ricostruito anche nel dispositivo di archiviazione, quando il gip però specifica: “Se il medico di famiglia non è andato a casa è perché in quella fase questo era vietato per evitare il dilagare del virus e nell’ospedale di Sorrento non ci furono negligenze da parte dei medici. All’epoca dei fatti una vera terapia non c’era. Nulla a maggior ragione si può obiettare ai medici del Loreto Mare”. Insomma di più non era possibile fare. Anche perchè mentre per la famiglia il paziente era in perfetta salute, i consulenti della Procura hanno riscontrato problemi al cuore e un eccesso di peso. Due fattori di maggiore rischio per chi si ammala di Covid.

Sono stati prosciolti per questi motivi Federico Coppola medico di famiglia della vittima, Rossana Galasso, Elvira Giaquinto e Pietro De Nicola in servizio nel Pronto soccorso di Sorrento, Luca Allocca, Maurizio D’Antonio, Vincenzo Terrone del reparto di rianimazione dello stesso ospedale e i colleghi del Loreto mare Giovanni Spagnuolo, Barbara Primerano e Salvatore Visconti. Nutrito il team di avvocati che ha seguito l’inchiesta chiave sul versante sanitario: Michele D’Antonio, Alfonso Vozza, Sergio Romano, Gennaro Bartolino, Francesco Saverio Esposito. L’avvocato napoletano della famiglia Gennaro Razzino, invece, valuterà nei prossimi giorni se provare a riaprire il caso facendo ricorso, ultimo atto di una battaglia legale che la figlia della vittima ha condotto in questi anni presentando perizie e relazioni di consulenti senza mai arrendersi. Resta il dolore per una tragedia che non si può archiviare.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/06/23/news/morto_per_covid_prosciolti_dieci_medici_tra_napoli_e_sorrento-355153953/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?