sabato, 15 Maggio, 2021
11.9 C
Napoli

Napoli, oggi l’insediamento del nuovo arcivescovo Domenico Battaglia

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Oggi alle ore 17 farà il suo ingresso in diocesi il nuovo arcivescovo metropolita di Napoli, monsignor Domenico Battaglia, con celebrazione eucaristica nella chiesa cattedrale con rito canonico di presa di possesso della diocesi. Si tratta dell’ultimo appuntamento di una giornata ricca di impegni. In mattinata l’arcivescovo Battaglia condurrà un “pellegrinaggio simbolico” verso alcune periferie esistenziali della città, incontrando persone e storie rappresentative della fragilità e delle sofferenze di Napoli.

Di questo “pellegrinaggio simbolico” verrà data notizia sui canali social della Diocesi. Nel pomeriggio, alle ore 16, l’arcivescovo Battaglia, presenti i vescovi ausiliari monsignor Lucio Lemmo e monsignor Gennaro Acampa, incontrerà le autorità istituzionali e altre personalità nel salone di rappresentanza del Palazzo arcivescovile, in largo Donnaregina. Quindi la cerimonia di inizio del ministero pastorale dell’alto prelato che sarà trasmessa in diretta su Canale 21. La prima parte si svolgerà sul sagrato del Duomo, poi una sosta nella Cappella del Tesoro di San Gennaro per l’adorazione eucaristica e la venerazione delle reiquie del Santo. Infine la Santa Messa con il rito di possesso canonico, la prima omelia e la prima benedizione della città. Il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo emerito di Napoli, seguirà il rito dalla residenza diocesana di Capodimonte dove si trova in convalescenza.

Pochi i fedeli che prenderanno parte alla cerimonia a causa delle restrizioni anti Covid. Intanto l’arcivescovo Battaglia ha affidato una sua lettera al nuovo numero di Vita pastorale. “Non riesco – si legge – a pensare al mio sacerdozio senza ricordare il volto di poveri, sofferenti, emarginati, che hanno convertito la mia vita dall’illusione di garanzie che non hanno nulla a che fare con il Vangelo di Gesù. Non riesco a pensare al Cristo senza il bene seminato nella mia storia da tanti laici e preti impegnati dalla parte degli ultimi. Sento molto in me le parole di papa Francesco: “Desidero una Chiesa povera per i poveri. Essi conoscono il Cristo sofferente””.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/02/02/news/napoli_arcivescovo_battaglia_insediamento-285472885/?rss

Cosa fare in città

Archivi