lunedì, 23 Maggio, 2022
18.3 C
Napoli

Napoli, per Mimmo Lucano ovazione in via Toledo: “Il mio progetto per i migranti è possibile”

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

« Tutto quello che ho fatto, lo rifarei ». Napoli con un lungo, accorato applauso, si è stretta intorno a Mimmo Lucano, sindaco di Riace dal 2004 al 2018, quando è stato sospeso e poi arrestato con accuse gravissime, tra cui l’associazione per delinquere. La sua governance per i centri di accoglienza era stata un modello, finché la gestione della questione migranti in Italia e in Europa è cambiata.

Vittima della burocrazia che l’ha schiacciato e di una serie di interessi che ora un’inchiesta che sembra cominciare a svelare, l’ex sindaco di Riace attende il processo di appello. Venuto in Campania per presentare il suo libro “ Il fuorilegge”, edito tempo fa da Feltrinelli, Lucano ne ha parlato ieri mattina alla Distilleria Feltrinelli Point di Pomigliano d’Arco. Introdotto da Tommaso Sodano e con Paola Nugnes, Clelia Politano e Luigi de Magistris, ha proseguito la giornata napoletana alle 17, nella basilica dello Spirito Santo in via Toledo.

Uno striscione all’ingresso con una nave di migranti colorata e a vele spiegate con la scritta “Io sto con Mimmo Lucano”. Un altro sull’altare che diceva “Digiuno di solidarietà” per l’ex sindaco di Riace si è avuto il pienone nella chiesa e qualche momento di blocco del traffico. Non l’hanno dimenticato e volevano salutarlo associazioni, gruppi cattolici e non, cittadini interessati all’impegno civile e ai diritti umani, e anche tanti migranti riconoscenti.
Tutti all’incontro voluto dal padre comboniano Alex Zanotelli, introdotto da Adriana Pollice del Manifesto.

Prima che il microfono si scaricasse abbandonando gli oratori, Zanotelli stava concludendo: «Bisognerebbe fare pressioni perché il ministro Cartabia promuova un’ispezione nella Procura di Locri e una commissione parlamentare capisca perché i fondi dei progetti già stanziati non sono stati erogati al Comune di Lucano».

Lui ha raccontato, infatti, che nel 2017 il progetto Centro accoglienza straordinaria ( Cas) aveva dovuto concludersi: « La prefettura era un avversario troppo forte e da oltre un anno non corrispondeva i fondi. Ma il nostro messaggio che un progetto umano per i migranti fosse possibile, è arrivato».

Il Comune di Lucano a differenza di tanti, del Nord, all’epoca accoglieva i profughi prima che le destre facessero della lotta ai migranti il loro cavallo di battaglia. Ma quando l’Europa ha chiuso le frontiere, il modello Riace è diventato un ostacolo. Il prefetto di allora, Michele Di Bari, si è appena dimesso, dopo l’inchiesta sul caporalato in Puglia in cui è coinvolta la moglie, una dei 16 indagati in un fascicolo della Procura di Foggia che ha portato all’arresto di cinque persone: è socia di una delle 10 aziende coinvolte e l’ipotesi anche per lei è di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Zanotelli organizzava una delle colonie estive dei missionari comboniani proprio a Riace e ha continuato a far sentire la propria vicinanza a Lucano: «Invito tutti a muoversi: umanizzare l’uomo è il nostro compito fondamentale».«Sono diventato carne da macello – ha detto l’ex sindaco del Comune calabrese – ma non ho mai intascato un euro, anzi osservavo che 35 euro pro capite al giorno erano troppi, se non legati a un processo di integrazione e arricchimento per i profughi. Sono stato condannato perché davo le carte d’identità ai migranti senza farmi pagare i diritti di segreteria. E le spese le rimborsavo con i miei soldi. Ne ho fornito una anche a un bambino di 4 mesi che era ammalato e senza quel documento non poteva accedere ai servizi sanitari. Ci fatto scrivere su il nome, e non che era un clandestino, perché lui era una persona e aveva quel nome. Ne abbiamo data una anche a Becky Moses, una giovane nigeriana che poi è morta bruciata cercando di riscaldarsi nella baraccopoli di San Ferdinando, come due senegalesi, Moussa Ba e Surawa Jaith».
 

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/12/12/news/napoli_per_mimmo_lucano_ovazione_in_via_toledo_il_mio_progetto_per_i_migranti_e_possibile_-329941443/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?