martedì, 29 Novembre, 2022
14.3 C
Napoli

Napoli, piazza del Gesù con i panni stesi e le bancarelle di frutta: trasformata per il set del film “The Equalizer III”

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Macchina del tempo in piazza del Gesù. Una Napoli di un’epoca tanto lontana, nell’ambientazione del terzo “The Equalizer”, da suscitare le proteste degli abitanti della piazza. Sembrava più la Sanità che il salotto dei Decumani, hanno detto in molti. «Neppure negli anni Cinquanta era consentito stendere i panni fuori dalle finestre dei palazzi storici». In poche ore residenti e frequentatori della piazza hanno visto la sua trasformazione ad opera della troupe in un mercato rionale. Una sorta di “piazza delle Erbe” delle città del nord d’Italia, ma connotata a sud, naturalmente, con trionfi di frutta e prezzi esposti sulla merce. Mercato che piazza del Gesù non è mai stato, e sicuramente non in tempi recenti.

Le bancarelle della frutta installate per il set del film 
Le bancarelle della frutta installate per il set del film  (siano)

Ma è anche vero che nel film quella sarà uno dei tanti “larghi” di Napoli e non più la storica piazza dell’obelisco e del bugnato a diamante della chiesa del Gesù Nuovo e del monastero di Santa Chiara, reso famoso in tutto il mondo dalla canzone di Roberto Murolo. Pubblico perplesso per i panni stesi su corde montate in quattro e quattr’otto ai balconi della facciata neoclassica di Palazzo Pandola, proprio quelli da cui si affacciarono Sophia Loren e Marcello Mastroianni, alias Filumena Marturano e Domenico Soriano. E dubbi storici, sociologici e di costume anche sulla distesa di banchi di frutta e verdura, che dovevano far da contorno all’arrivo di motociclette nell’androne del palazzo, riprese anche da una action-cam montata su una delle moto schierate sul set. Ma ben presto ieri mattina per molti c’è stata una delusione: c’era chi non vedeva l’ora di poter guardare da vicino il “mitico” Denzel Washington in azione nel ruolo di Robert McCall, agente della Cia di Boston uscito dal “sonno” per aiutare le vittime di ingiustizie.

La controfigura di Denzel Washington 
La controfigura di Denzel Washington  (siano)

Negli altri due episodi dell’”Equalizer” se l’è vista rispettivamente con la mafia russa e con problemi interni alla Cia stessa, ora deve vedersela con la mafia italiana e i suoi traffici di droga nuova e mortale. L’attore di “Malcolm X”, “Philadelphia”, ed anche l’indimenticabile Lincoln Rhyme, il criminologo tetraplegico di “Il collezionista di ossa”, però ieri mattina non c’era. Al suo posto è arrivata la controfigura. È stato avvicinato da molte persone il regista della serie, Antoine Fuqua, inizialmente scambiato per Washington al quale un po’ assomiglia.

Con il cappellino da baseball il regista del film, Antoine Fuqua 
Con il cappellino da baseball il regista del film, Antoine Fuqua  (siano)

Molti ragazzi si sono radunati davanti alla libreria di Giancarlo Di Maio e all’ingresso del convento. I pedoni potevano transitare ai margini dell’area del set – praticamente l’intera piazza – solo davanti al liceo Genovesi, perché il resto, sbarrato al traffico, era interamente transennato con divieto anche per loro oltre che per le auto. A dare una mano in tutto e per tutto alla troupe è naturalmente la Film Commission di Napoli, tra le migliori in Italia. Oggi non si gira, ma domani invece sì e dai rumors raccolti in giro Washington dovrebbe recitare di persona e farsi vedere sul set, a differenza di ieri, il primo dei dieci giorni della durata dei ciak napoletani dell’action movie di Fuqua prodotto da Sony Pictures.

(siano)

Le location del film sono state cercate in Sardegna, in Sicilia e – oltre che a Napoli – in alcuni piccoli Comuni sul mare. Dopo aver girato per quattro settimane ad Atrani e in Costiera amalfitana, per la quale Denzel Washington ha una vera passione, ora il set si è trasferito sotto l’obelisco, nel cortile di palazzo Pandola e in un appartamento dell’edificio, dove ha sede anche la factory creativa Mad Entertainment fondata da Luciano Stella. È attiva l’ordinanza che vieta il trasporto pubblico e privato e il carico e scarico delle merci in piazza. 

(siano)

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/11/21/news/napoli_piazza_del_gesu_con_i_panni_stesi_e_le_bancarelle_di_frutta_trasformata_per_il_set_del_film_the_equalizer_iii-375548052/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?