lunedì, 16 Maggio, 2022
16.4 C
Napoli

Napoli, Tony Colombo e Claudio de Magistris: il pm chiede l’archiviazione per il concerto abusivo al Plebiscito

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Arriva dopo due anni e mezzo la richiesta di archiviazione per i nove indagati nell’inchiesta relativa al flash mob-concerto, abusivo, organizzato il 25 marzo 2019 a piazza del Plebiscito dal cantante neomelodico Tony Colombo, in occasione delle sue nozze con Tina Rispoli. I pm del caso, Vincenzo Marra e Maurizio de Marco, hanno chiesto l’archiviazione del procedimento perché “gli elementi acquisiti non sono idonei a sostenere l’accusa in ordine alla sussistenza dei fatti. Ovvero che i fatti costituiscano reato”.

Tra gli indagati, oltre al cantante Colombo, risultavano anche Claudio de Magistris (difeso dall’avvocato Enrico Von Arx), fratello minore dell’ex sindaco di Napoli, due ufficiali della polizia Municipale (il capitano dell’Unità operativa di Chiaia Sabina Pagnano e Giovanni D’Ambrosio), i tre vigili urbani di pattuglia quella sera; la dottoressa Sarah Terracciano (difesa dall’avvocato Maria Ancora), all’epoca dei fatti staffista della segreteria del sindaco, e una dipendente comunale. “L’ampia attività di verifica investigativa” è stata mossa “dalla considerazione che l’evento organizzato da Colombo in Piazza Plebiscito a Napoli, nei termini in cui effettivamente poi si è svolto, non fosse autorizzato; questa circostanza risulta documentalmente provata”.

La richiesta di archiviazione dei pm Vincenzo Marra e Maurizio De Marco,  per i nove indagati nell’inchiesta relativa al flash mob-concerto, abusivo, organizzato a piazza del Plebiscito dal cantante neomelodico Tony Colombo, in occasione delle sue nozze con Tina Rispoli, è stata accolta dal Gip presso il Tribunale di Napoli il 22 settembre. Si chiude così una storia cominciata il 25 marzo del 2019, quando Colombo organizzò un flash mob che si tramutò poi in un mini-concerto nella principale piazza della città.

“L’evento organizzato il 25 marzo da Colombo in piazza Plebiscito – scrisse all’epoca la Procura -, nei termini in cui effettivamente poi si è svolto, non era autorizzato”, cosa poi riconosciuta in fase di indagine. Ciò che ha fatto cadere le accuse riguarda la parte relativa alla “consapevolezza piena delle autorità preposte ai controlli”. Infatti, si legge nella richiesta dei pm dell’atto di archiviazione che “non vi è sufficiente piattaforma probatoria che ciò sia avvenuto nella consapevolezza piena sia delle Autorità preposte ai controlli amministrativi preventivi e durante l’evento”. In pratica sia il fratello minore del sindaco Claudio de Magistris, sia la staffista della segreteria, dottoressa Sarah Terracciano, sia la dipendente comunale dell’ufficio, che aveva mantenuto una corrispondenza con il management del neomelodico, e così i vigili urbani coinvolti, non erano a conoscenza del fatto che il flash mob autorizzato si trasformasse in un mini-concerto. “Rimane infatti aperta la possibilità – si legge nell’atto di archiviazione – sulla scorta degli atti qui utilizzabili, che Claudio de Magistris non sapesse, pur se poteva sospettare, che Colombo voleva piazza del Plebiscito per una manifestazione canora vera e propria senza affrontare l’iter autorizzativo e le conseguenti spese”.
 

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/10/26/news/tony_colombo_de_magisctris_plebiscito_concerto_abusivo-323838758/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?