venerdì, 24 Settembre, 2021
25 C
Napoli

“Palestina libera”, ad Aversa manifestazione di solidarietà al popolo palestinese

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Al grido di  “Palestina libera” rappresentanti della comunità tunisina di Aversa insieme ad alcune associazioni locali, hanno dato vita ad un presidio di solidarietà col popolo palestinese. All’appuntamento in Piazza Vittorio Emanuele in molti si sono presentati con la bandiera palestinese. Dopo il raduno, a piccoli gruppi, i partecipanti si sono diretti nella vicina Piazza Municipio dove è intervenuto Mohammad Hannoun, presidente dell’Associazione dei Palestinesi in Italia. “Siamo qui per ricordare che  nella striscia di Gaza 120 mila persone vivono senza un tetto sulla testa perché le loro case sono state distrutte dai missili israeliani – ha esordito Mohammad Hannoun –  246 persone sono state uccise. Tra essi decine di donne e bambini e migliaia di feriti. Hanno detto che c’è stata l’aggressione contro gli israeliani, ma non è così. Gaza  vive sotto uno stretto embargo da più di quindici anni. Una situazione  che ha visto trasformare la vita di due milioni di cittadini in una prigione a cielo aperto. Israele non ha mai lasciato respirare i cittadini di Gaza in pace”.

Il presidente dei palestinesi in Italia, Mohammad Hannoun, ha poi criticato gli effetti del processo di pace cominciato a Oslo, con l’accordo  tra palestinesi e israeliani. “Questo processo  – ha sostenuto – ha portato alla confisca dei territori palestinesi; ha portato alla costruzione del muro dell’apartheid e ha trasformato al Cisgiordania in cantoni separati mai connessi geograficamente. Tra ogni villaggio palestinese risiede una colonia  israeliana o diversi checkpoint. I palestinesi non possono andare liberamente da un villaggio all’altro se non attraverso un checkpoint, o  attraverso una pattuglia dei soldati israeliani. Nella striscia di Gaza ci sono due milioni di persone separate da tutto il mondo.  il processo di Oslo ha trasformato,  e mi scuso per dirlo, la cosiddetta Autorità Nazionale Palestinese, in un esercito di collaborazionisti che lavorano per garantire la sicurezza dei coloni israeliani”.

Mohammad Hannoun, ha anche criticato la manifestazione dei politici italiani, in solidarietà con Israele, tenuta nei giorni scorsi a Roma. “Purtroppo abbiamo visto alcuni dei vostri politici  – ha aggiunto – sia di centro destra che di centro sinistra, che sono andati al Ghetto di Roma e hanno manifestato per il diritto di Israele a difendersi, ma da chi? Israele è uno stato apartheid che occupa la Palestina. Il popolo palestinese ha il diritto di lottare, di resistere, di difendersi.  A Enrico Letta, politico di centro sinistra,   diciamo: “Vergogna, vergogna, vergogna”. E l’altro è Matteo Salvini che si è  schierato con i carnefici.  Noi siamo schierati con le vittime, con gli oppressi, con il diritto internazionale, per la giustizia. Per 11 giorni Israele ha bombardato i territori palestinesi.  246 palestinesi,  essere umani, uccisi  per nessun motivo, mentre la comunità internazionale guarda senza agire. Noi oggi qui siamo per il diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione, per fermare il genocidio in corso, per chiedere giustizia per richiamare l’attenzione di tutti i cittadini”.

Alla manifestazione hanno portato il loro contributo anche dei giovani palestinesi, l’imam della moschea di San Marcellino,  Nasser Hidouri e a nome dell’Amministrazione comunale,  il consigliere Mariano Scuotri. Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/05/29/news/palestina_libera_ad_aversa_manifestazione_di_solidarieta_al_popolo_palestinese-303400151/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?