giovedì, 16 Settembre, 2021
27.3 C
Napoli

Pd Napoli, Sarracino: “Siamo cambiati e ora riscriviamo una nuova storia per la città”

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Un Pd unito. Non diviso da guerre fratricide. Ecco il nuovo partito che il giovane segretario Marco Sarracino è riuscito a proporre per questa tornata elettorale. Tutta un’altra storia, rispetto a cinque anni fa, dopo che il disastro delle primarie aveva portato i democratici a un passo dal baratro.

Sarracino come è riuscito a ricostruire il partito?

“La strada è ancora lunga ma credo che i risultati di questo anno siano sotto gli occhi di tutti. Oggi il Pd è finalmente una straordinaria comunità e si presenta alla città come una forza totalmente rinnovata rispetto al passato, con un gruppo dirigente giovane ma nato e cresciuto nella battaglia politica. Vogliamo essere una forza popolare, essere lo strumento e il potere di chi non ha potere. Sono certo che i napoletani premieranno questo lavoro, basato su un progetto serio e di qualità a tutela dei nostri territori. Dall’altro lato c’è la peggiore destra che la nostra storia recente ricordi, una destra rappresentata dalla lega di Matteo Salvini che ha sempre lavorato contro gli interessi del sud e di Napoli”.

Nessun problema durante la presentazione della vostra lista, nessun psicodramma, una novità rispetto a quanto accadeva nel recente passato. Ma allora è vero che puntate sulla competenza? 

“Sentivamo forte la responsabilità di non commettere errori, specie dopo quanto avvenne cinque anni fa. Siamo praticamente la forza politica che ha messo in campo il miglior lavoro organizzativo e questo non è un caso, specie se pensiamo che la destra al momento ha visto annullate alcune delle sue liste. Questo è uno dei piccoli ma importanti segnali che il Pd è cambiato e che è finalmente pronto a scrivere una nuova storia per Napoli.

E come siete riusciti a tenere sotto controllo gli scontenti? 

“Lavorando a una proposta in cui tutti fossero protagonisti. L’unità è stata la stella polare che ha guidato l’azione politica della mia segreteria. Non è un obiettivo ma una delle ragioni per cui è nato il Pd: unire i progressisti e i riformisti del paese. In questo è stato fondamentale anche il supporto che non è mai mancato del partito nazionale. Letta, Provenzano, Boccia, Orlando, ci hanno sempre sostenuti ed oggi finalmente il partito di Napoli è un modello a cui si ispirano anche tante federazioni nel Paese”.

Paradossalmente la candidatura di Bassolino è servita in qualche modo a ringiovanire il Pd?

“L’azione di rinnovamento è partita ben prima che iniziasse la campagna elettorale di queste ultime amministrative. Pochi lo ricordano, ma lo scorso anno, nel silenzio generale, il Pd è risultato essere il primo partito in provincia di Napoli vincendo comuni che non si vincevano da decenni, come Giugliano, Caivano, Pomigliano e Sorrento. Ora siamo alla sfida più importante: Napoli merita di vivere un grande futuro”.

Riuscirà a mediare con De Luca e a far in modo che sia meno autonomo e più dentro il partito?

“Il lavoro di sinergia con il presidente della Regione è totale. Lo vedrete anche in questa campagna elettorale al fianco di Gaetano Manfredi e del Pd”. 

Esposito e Madonna sono candidati, nonostante l’accusa di aver falsificato le firme per la candidatura 5 anni fa di Valeria Valente, è stato premiato il loro impegno per il partito?

“Sono candidati esattamente come gli altri 38 che abbiamo in lista. Non esistevano impedimenti statutari riguardo la loro candidatura, quindi abbiamo ritenuto giusto che la loro richiesta di misurarsi con l’elettorato napoletano potesse essere accolta”.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/09/12/news/pd_napoli_sarracino_siamo_cambiati_e_ora_riscriviamo_una_nuova_storia_per_napoli_-317379858/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?