domenica, 19 Settembre, 2021
21.8 C
Napoli

“Proiezioni”, il mondo dei gladiatori nel nuovo allestimento in mostra all’anfiteatro di Pozzuoli

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

I gladiatori tornano nei Campi Flegrei. L’eco della mostra al Mann di Napoli, dedicata ai guerrieri nelle antiche arene romane arriva fino all’anfiteatro di Pozzuoli, dove è allestito un nuovo percorso espositivo, a metà tra reale e multimediale. Titolo dell’exhibit, “Proiezioni”. Tra sculture e reperti, una sezione è dedicata al “mondo” di mirmilloni e reziari e ripropone, attraverso installazioni sonore e visive, gli stessi suoni e suggestioni che animavano un tipico duello all’ultimo sangue. Lo scenario, del resto, è ideale: l’anfiteatro puteolano (quello “nuovo”, che fu costruito per rimpiazzare il precedente, più piccolo e obsoleto), inaugurato nel primo secolo sotto l’imperatore Tito, ospitò numerosi spettacoli e giochi, davanti a 40mila spettatori. “Abbiamo voluto offrire questo nuovo percorso – dice Fabio Pagano, direttore del Parco archeologico dei Campi Flegrei – per dare energia alla riapertura dei nostri luoghi e vitalità alla ripartenza delle nostre attività. L’iniziativa è anche un’ottima occasione per rinsaldare la nostra collaborazione con il Mann”.

Tra i reperti in mostra, sotto le arcate, un frammento dell’epigrafe monumentale che riporta la scritta “Colonia Flavia Augusta / Puteolana pecunia sua”, che ricorda, cioè, come l’anfiteatro sia stato costruito a spese totali della città. Accanto, cinque sculture in marmo, tutte del II secolo, parte degli ornamenti originali della struttura. Spicca, tra tutte, la statua dell’imperatore Traiano, accanto a quella della sua amatissima sorella maggiore Ulpia Marciana (elevata al rango imperiale col titolo di Augusta). Ancora, una “Statua femminile acefala”, Un “Satiro in riposo” ed il simulacro di una corazza riccamente decorata.

Nei sotterranei, dove erano stipate le belve feroci e le altre “coreografie” per gli spettacoli, uno speciale “tappeto sonoro” riproduce suoni e rumori sinistri, tra versi di animali (che attendevano nelle gabbie di essere issati nell’arena), rumore di spade pronte ad essere affilate, il fragore della folla che attendeva sugli spalti. Più in là due plastici dell’anfiteatro che ripropongono l’edificio com’è oggi e come appariva nel mondo antico.

L’anfiteatro di Pozzuoli, sul corso Terracciano, è aperto ogni giorno (tranne il martedì), dalle 9 alle 20, ingresso 4 euro. In base ai protocolli anti Covid, è obbligatoria la prenotazione. Info 081 526 6007. La mostra sarà visibile fino a fine settembre.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/05/22/news/proiezioni_il_mondo_dei_gladiatori_nel_nuovo_allestimento_in_mostra_all_anfiteatro_di_pozzuoli-302305132/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?