martedì, 6 Dicembre, 2022
14.2 C
Napoli

Scampia, i principi del rap e del pop in concerto: è festa con la musica

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Tanto pubblico al concerto “Red Bull 64 Bars” in corso a Scampia, trasmesso in diretta streaming su YouTube al link www.youtube.com/channel/UCodYe1twkRrzAD9L9mQwPUg.

(siano)

Ottomila persone hanno scelto di comprare i biglietti e viverlo sotto il palco, faccia a faccia con gli idoli del music-biz. Per la prima volta, il format nato in Nuova Zelanda che coinvolge artisti in studio emigra dalla sala privata e custodita e arriva tra la gente. L’appuntamento napoletano iniziato nel pomeriggio e terminerà a ridosso della mezzanotte in piazza Ciro Esposito (laddove una targa diceva una volta piazza Papa Wojtyla) e coinvolgerà i mammasantissima della musica urban-rap di oggi: Geolier, Fabri Fibra, Marracash, Guè, Ernia, Madame.

(siano)

Con loro, ad affiancarli in consolle, dj TY1. Sul palco, in una sequenza poco prevedibile, il cast porterà in scena gran parte degli esperimenti fatti con microfono e mixer, eseguendo dal vivo anzitutto i pezzi, i beat e le rime dei tanti episodi di “Red Bull 64 Bars”. Poi ognuno avrà spazio per una manciata di tracce del suo repertorio.

(siano)

Un flusso no-stop realizzato in una scenografia immersiva che, d’intesa con l’amministrazione comunale e l’ufficio musica coordinato da Ferdinando Tozzi, trova accoglienza a Napoli Nord. È stato scelto il quartiere di Scampia sia per condurre i fenomeni del settore in un’area troppo spesso sottovalutata e mortificata sia perché uno dei totem di questa discografia, Geolier, è proprio originario di quei rioni. Basti ricordare il pezzo con cui ha debuttato in compagnia di Nicola Siciliano – ora i due viaggiano su itinerari solisti – nell’aprile 2018: “P Secondigliano”.

(siano)

Il videoclip ritraeva i due artisti fra le auto, i look griffati, i vizi di strada e quello scenario diverrà reale in questo sabato partenopeo in cui gli artisti provenienti dal Nord della penisola saranno assolutamente complici. Del resto non si contano i titoli condivisi fra loro: “Cyborg” di Guè e Geolier, “Tik Tok Rmx” di Sfera Ebbasta con Marracash e Guè e Geolier, “L’anima” di Madame e Marracash, “Non me ne frega un cazzo” di Ernia e Fibra, “Fantasmi” di TY1 con Marracash e Geolier, “Caos” di Fabri Fibra con Madame, “Love” di Marracash con Guè, senza trascurare l’esperimento “Santeria”.

A tener viva la piazza i supporter: lo start è stato affidato al dj set di HellHeaven, cui seguirà Dipinto che ha appena pubblicato il singolo “Party”. Quindi tocca a Plug (il sedicenne Andrea Buono) tra “Monet”, “Drink” e la nuovissima “Mille volte” spartita con COCO. Spazio all’host dell’evento, Wad, che per un’ora terrà vivi gli spettatori.

Prima delle 20 sarà il turno di J Lord, figlio di genitori ghanesi, vissuto tra Frattaminore, Casoria e Afragola. Ecco poi Vettosi, prima dell’osanna alle superstar. È lo stesso Wad a rilasciare una dichiarazione sulla serata: “È uno dei momenti più alti nella storia del rap italiano e questo evento ne celebra la sua grandezza e la sua forte credibilità, in uno dei luoghi simbolo dell’architettura e della sotto-cultura del rap europeo. È un onore per me dare il via allo show dell’anno”. Media partner, sono Radio Deejay e Radio m2o.

Il concerto nella 167 si inserisce in “Napoli, città della musica”, progetto del Comune che intende valorizzare i talenti che animano la città, mettendo a sistema e internazionalizzando la creatività musicale partenopea. Info extra sul portale http://redbull.com/64bars.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/10/08/news/scampia_i_principi_del_rap_e_del_pop_in_concerto-369145315/?rss

Cosa fare in città

Archivi

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?