admin

88 posts0 comment

Conte: “Al lavoro su Quota 100, Iva non sarà rimodulata” 

COSA FARE IN CITTA’ Ottobre 13. 2019

“L’Iva non verrà rimodulata, abbiamo trovato risorse aggiuntive”. Da Avellino, dove si trova per un’iniziativa sul centenario della nascita di Fiorentino Sullo, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte torna a parlare di manovra, rassicurando sull’Iva. “Stiamo lavorando a possibili modifiche a Quota 100 – aggiunge il premier -, siamo in contatto diretto con i tecnici del Mef”. Conte annuncia poi anche un possibile Consiglio dei ministri in serata: “Ci proviamo, altrimenti slitta a domani”. 

“La manovra – spiega – non deve accontentare qualche forza politica in particolare o qualche blocco sociale. Noi lavoriamo nell’interesse di tutti. Questo governo ha un progetto unitario che guarda all’intera Italia”. In ogni caso, sottolinea ancora il presidente del Consiglio, “la maggioranza è compatta, non c’è nessun conflitto. Ieri c’era un ottimo clima di lavoro”. 

Read More

Napoli, ragazzini con i coltelli: inchiodati da metal detector 

COSA FARE IN CITTA’ Ottobre 12. 2019

Bloccati mentre passavano i tornelli della stazione Vanvitelli, al Vomero di Napoli, armati di coltello, tre ragazzini sono stati denunciati per possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere. Su uno di loro, appena 13enne, utilizzando il metal detector è stato possibile trovare un pugnale con lama di otto centimetri nascosto negli slip. Un altro, 16 anni, ne aveva un altro con lama di nove mentre un 20enne di Anacapri nascondeva un coltello a serramanico di 4 centimetri. Un coltellino è stato sequestrato anche a un altro 16enne, trovato in via Rossini con tre dosi di marijuana e una di hashish; altri 13 giovani consumatori di droga sono stati segnalati alla prefettura perché trovati con la droga mentre otto in sella a motorini sono stati fermati e multati perché senza casco. 

Read More

No tasse in più e taglio cuneo, Di Maio fa il punto su manovra  

COSA FARE IN CITTA’ Ottobre 12. 2019

dall’inviata Ileana SciarraTaglio del cuneo fiscale e salario minimo in legge di bilancio. Nessuna sorpresa sul fronte tasse, sulla scia del balzello sulle schede sim che ha agitato le acque della maggioranza: non dovranno esserci aumenti. Riduzione del cuneo fiscale per le imprese, misura che in qualche modo dovrà essere legata al salario minimo. E carcere per i grandi evasori, in presenza di reato grave e conclamato. A quanto si apprende, sono questi i punti nevralgici sui quali il M5S batterà con l’alleato di governo sulla manovra.  

Luigi Di Maio ha riunito i ministri grillini in un hotel a due passi dalla fiera d’Oltremare, a Napoli, dove è in scena la seconda giornata di Italia 5 Stelle. Obiettivo fare il punto sulla legge di bilancio che entro martedì dovrà essere varata dal Cdm. Il carcere per i grandi evasori, viene spiegato da fonti pentastellate, al momento dovrebbe restare nel dl fiscale. Ma se anche dovesse essere stralciato dal testo, per i 5 stelle è una misura da realizzare in tempi stringenti.Sembra inoltre, al momento, confermato il vertice sulla manovra che dovrebbe tenersi alle 22 a Palazzo Chigi. Nel pomeriggio, a quanto apprende l’AdnKronos, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri riunirà alle 16 i viceministri Laura Castelli e Antonio Misiani e i tecnici per mettere a punto i dettagli della legge di bilancio e del dl fiscale. In serata, il vertice di maggioranza.  

Read More

Di Maio: “Basta armi alla Turchia” 

COSA FARE IN CITTA’ Ottobre 11. 2019

“Questi ragazzi chiedono lo stop alle armi alla Turchia: hanno ragione, lo diciamo anche noi”. Lo ha detto Luigi Di Maio, nel corso del suo intervento interrotto da un blitz dei centri sociali all’Arena Flegrea di Napoli per chiedere lo stop della vendita di armi alla Turchia. Gli attivisti hanno esposto uno striscione con la scritta ‘Basta armi al governo turco’. Di Maio ha preso la palla al balzo per sostenere la richiesta. “Con me sfondate una porta aperta: basta armi alla Turchia”.”Avete visto la Turchia cosa sta facendo, un’azione unilaterale nei confronti della Siria. Lunedì come ministro degli Esteri ho il primo Consiglio dei ministri degli Affari Esteri e chiederemo che tutta l’Unione europea blocchi la vendita delle armi alla Turchia”. 

“Quello che sta facendo la Turchia in territorio siriano non rappresenta per niente un modo di agire dell’Unione europea che vogliamo” ha detto Di Maio. “Siamo di fronte a un’Unione Europea che sta per insediare una nuova commissione anche grazie al lavoro fatto dal premier Conte e questa commissione – ha aggiunto – deve dare un segno fondamentale di discontinuità rispetto al passato”.”Non dobbiamo ragionare al muro contro muro, l’Ue deve avere autorevolezza per coinvolgere la Turchia in un processo di dialogo diplomatico e riuscire a fermare questa escalation” ha detto ancora. “L’unica soluzione che esiste per contrastare il terrorismo è non usano la forza militare, che ha fatto proliferare il terrorismo”. 

Per quanto riguarda poi l’Italia e la presenza del M5S, “non dico che tutti i problemi sono risolti ma questi 10 anni hanno cambiato per sempre la politica di questo Paese” ha sottolineato Di Maio. “La persona più importante del Movimento è quello che senza incarichi ha difeso il M5S in casa, contro la disinformazione” ha incalzato il ministro tra gli applausi.”Quando il popolo spinge una battaglia e la sostiene, il Parlamento è tenuto a eseguire: siamo riusciti in un miracolo” ha aggiunto parlando del taglio dei parlamentari. “Tutti dicevano ‘non ce la farete mai’ – ha rimarcato il capo politico del M5S – abbiamo trasformato l’impossibile in possibile”.”Siamo stati 14 mesi in un governo, ora siamo in un altro: per me al centro” tra l’una e l’altra esperienza “ci sono solo le promesse fatte agli italiani e per me vanno mantenute una a una” ha proseguito Di Maio. “Sono orgoglioso del reddito di cittadinanza, sono orgoglioso di averlo realizzato – ha rivendicato – la terza via vuol dire aver coraggio di scegliere, noi abbiamo detto alle persone di scegliere cosa voler fare di questo Paese. Era un’opportunità, ma non averla colta si è trasformata in una maledizione perché qualcun altro ha scelto per loro”. 

“Nei prossimi 10 anni non dobbiamo essere più arrabbiati perché abbiamo trovato la terza via. Nei prossimi 10 anni dobbiamo caricarci sulle spalle il MoVimento e con il ragionamento, il pensiero, l’approfondimento e lo studio dobbiamo coinvolgere tante altre persone che magari sono scettiche, ma che con il ragionamento riusciremo a rimettere insieme in questa grande comunità per la prima volta” ha detto ancora Di Maio. 

“Nei 10 anni che sono passati – ha ricordato – siamo stati arrabbiati, non abbiamo odiato ma eravamo arrabbiati e questa rabbia è stata canalizzata in un progetto con Grillo e Casaleggio e siamo arrivati fin qui. Adesso, se veramente vogliamo pensare in grande la nostra storia, dobbiamo cominciare a pensare che non possiamo stare noi sulle spalle del MoVimento ma dobbiamo caricarcelo sulle spalle”. 

 

Read More

Patuanelli vede lavoratori Whirlpool 

COSA FARE IN CITTA’ Ottobre 11. 2019

“Si deve capire cosa può fare ancora il governo perché Whirlpool continui a rispettare l’accordo di fine 2018: il sito di Napoli deve continuare a produrre. E ovvio che non avremmo accettato nessuna altra società al tavolo se non Whirlpool”. Lo dice il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, al termine dell’incontro con una delegazione di lavoratori dello stabilimento di Napoli della multinazionale, a margine di ‘Italia a 5 Stelle’. 

“L’attenzione del governo è alta perché è simbolica del fatto che le multinazionali non possono pensare di venire qui a fare quello che vogliono sempre” aggiunge. “I lavoratori devono avere delle garanzie, il M5S ha fatto delle battaglie importanti sul diritto al lavoro da quando è al governo – sottolinea -. Se c’è un prodotto, allora si cambia e si amplia il mercato: su questo il governo c’è”. 

Read More

‘Italia 5 Stelle’, bagno di folla e selfie per Di Maio 

COSA FARE IN CITTA’ Ottobre 11. 2019

Bagno di folla e tanti selfie per Luigi Di Maio al suo arrivo alla Mostra d’Oltremare di Napoli, dove è in corso ‘Italia 5 Stelle’. Di Maio, che nel tardo pomeriggio interverrà dal palco dell’Arena Flegrea, non ha rilasciato dichiarazioni ai giornalisti al suo arrivo, preferendo un saluto ad attivisti e fan e passeggiando nei viali della Mostra che ospitano la kermesse pentastellata. 

BAGNO DI FOLLA – Cori “Luigi, Luigi” ed esortazioni a “non mollare” hanno accompagnato la passeggiata di Di Maio: ‘corteo’ rotto per un attimo dal passaggio di un’ambulanza, in occasione del quale un attivista ha urlato “Luigi, si è sentito male Salvini”. Brevi momenti di tensione si sono registrati poi tra attivisti e giornalisti, con i primi che chiedevano agli operatori più spazio per raggiungere il leader M5S per poter scattare un selfie e i secondi a caccia di una dichiarazione.Prima di arrivare alla kermesse pranzo con Beppe Grillo in hotel per il ministro degli Esteri, assieme alla compagna Virginia Saba; presenti anche Davide Casaleggio, il ministro dell’Ambiente Sergio Costa e Gunter Pauli, l’economista green ospite della manifestazione pentastellata 

LAVORATORI WHIRLPOOL – In presidio davanti ai cancelli di ‘Italia 5 Stelle’ una trentina di lavoratori Whirlpool dello stabilimento di Napoli, che rischia di chiudere i battenti. “Non ci fanno entrare” lamentano, “i 5 Stelle ci lasciano fuori”. Uno di loro se la prende anche con Di Maio: “Lo abbiamo osannato quando era al Mise e ora ci lascia qui fuori…”. E il ministro degli Esteri si ferma da loro: un selfie e qualche saluto ad alcuni lavoratori, che gli hanno dato una spilla con la scritta ‘Whirlpool – Napoli non molla’ che Di Maio ha applicato sulla giacca.  

In precedenza qualcuno ha tentato di imboccare il cancello, con il cartello della protesta, venendo prontamente bloccato da agenti della Digos, che all’AdnKronos spiegano: “Hanno un presidio, hanno chiesto e gli è stato concesso questo. E’ per questo che sono fuori, dentro non possono. Il ministro Patuanelli ha promesso di riceverli”. 

L’INCONTRO – E così è stato. Il ministro dello Sviluppo economico ha infatti ricevuto nel pomeriggio una delegazione dei dipendenti dello stabilimento napoletano che rischia di chiudere i battenti. 

 

Read More

Addio a Carlo Croccolo, la spalla di Totò 

COSA FARE IN CITTA’ Ottobre 11. 2019

E’ morto all’età di 92 anni l’attore Carlo Croccolo. La notizia è apparsa sul suo profilo Facebook con un breve post: “Questa mattina, alle prime luci dell’alba, si è spento il maestro Carlo Croccolo. Ha vissuto una vita straordinaria come straordinario è stato il suo talento. I funerali si terranno domani, domenica 13 ottobre, alle ore 16, presso la Chiesa San Ferdinando a Piazza Trieste e Trento” a Napoli. Dalle 15,30 di oggi sarà invece aperta la camera ardente nell’aula consiliare del Comune di Castel Volturno, in provincia di Caserta.Croccolo ha lavorato al fianco dei più grandi comici italiani a cavallo degli anni ’50 e ’60, da Totò a Eduardo e Peppino De Filippo. Ha vinto anche un Davide di Donatello nel 1989 per la sua interpretazione di ‘O re’, il film storico di Luigi Magni. 

“La scomparsa di Carlo Croccolo è un grande lutto per lo spettacolo italiano, che perde un attore, regista e doppiatore che con grazia e maestria ha attraversato tre generazioni di cinema e teatro. Pilastro della scena partenopea, a lungo a fianco di Totò nella vita e nella professione, è stato protagonista anche a fine carriera di convincenti interpretazioni che hanno donato gioia e allegria a molti”. Così il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini.  

Read More

Italia 5 Stelle al via, il Movimento celebra i primi 10 anni 

COSA FARE IN CITTA’ Ottobre 11. 2019

“Iniziamo questa due giorni di festa per i dieci anni del Movimento. Ricordo il primo meetup al quale ho partecipato, a Milano in un bar che non c’è più, e da allora abbiamo fatto passi da gigante”. Lo ha detto il presidente dell’associazione Rousseau, Davide Casaleggio, aprendo Italia 5 Stelle nella Mostra d’Oltremare di Napoli. “Quel primo meetup – ha aggiunto Casaleggio – era un modo per incontrarsi e discutere delle idee che stavamo portando avanti con il blog. Oggi celebriamo i grandi successi ottenuti e i risultati che vogliamo ottenere nei prossimi anni”. 

“Grillo e Lezzi? Secondo me hanno sbagliato”, spiega Casaleggio rispondendo a una domanda sull’assenza degli ex ministri. Secondo il presidente dell’associazione Rousseau “avrebbero dovuto partecipare a questa grande festa del Movimento”. 

Ieri, alla Mostra d’Oltremare hanno fatto capolino Beppe Grillo prima e Casaleggio poi, un blitz, o meglio un piccolo sopralluogo, per vedere il palco e gli spazi dedicati alla festa. Grandi complimenti, da parte del garante del Movimento e del presidente dell’associazione Rousseau, agli organizzatori dell’evento, che oggi vedrà alternarsi sul palco i big M5S nonché il premier Giuseppe Conte, intervistato con il capo politico del Movimento e ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Grillo ha assicurato che “ci saranno sorprese”, raccontano alcuni presenti all’Adnkronos. 

FRACCARO E IL ‘CAPOLAVORO POLITICO’ M5S – Se siamo riusciti “a fare con la Lega il taglio dei vitalizi e il reddito di cittadinanza”, e ora con il Pd riusciamo a fare “la rivoluzione verde, scusate ma questo è un capolavoro politico, e di questo devo ringraziare il mio capo politico Luigi Di Maio”. Così Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, intervenuto alla kermesse grillina. Rivolgendosi agli attivisti nel corso del suo intervento dal palco, Fraccaro ha spiegato che “in questi dieci anni ci siamo guadagnati credibilità e abbiamo fatto dei passi avanti anche dolorosi”.  

Di Maio annuncia un nuovo modello di partito 

M5S, scoppia grana restituzioni 

Salvini: “Porte Lega aperte per chi credeva nel M5S” 

Read More