admin

5297 posts0 comment

Museo Cappella Sansevero da record: +178% di visitatori.

FASCINO PARTENOPEO febbraio 19. 2019

Il museo Cappella Sansevero chiude il 2018 con numeri da record. Dal 2013 (238.795 visitatori paganti) il trend si è mantenuto costantemente in positivo raggiungendo, alla fine del 2018, la straordinaria cifra di oltre 665.000 unità, una crescita del 178% in soli cinque anni. Anche la media giornaliera di visitatori per il 2018 è salita […]

Read More

52enne muore in ospedale, parenti assaltano reparto  

FASCINO PARTENOPEO febbraio 17. 2019

“Assalto” al reparto di Medicina d’urgenza dell’ospedale di Boscotrecase (Napoli) da parte di alcune decine di familiari e conoscenti di una paziente 52enne deceduta nel nosocomio. Poco dopo mezzogiorno, il gruppo di persone composto da donne e uomini ha sfogato la rabbia prendendosela con i medici e danneggiando il reparto. Due medici di turno hanno riportato lievi contusioni, mentre sono stati severamente danneggiati gli arredi e i macchinari.  

I carabinieri intervenuti su richiesta del personale medico hanno identificato due figli della donna: un 24enne che, nonostante la presenza dei militari, ha continuato a prendere a pugni il muro di una stanza e ha rovesciato a terra una scrivania e un 30enne sorpreso mentre rovesciava gli armadietti di una stanza riservata ai medici. I militari dell’Arma sono riusciti a riportare la situazione alla normalità. 

Read More

Scacco al clan Sequino, 30 arresti  

FASCINO PARTENOPEO febbraio 17. 2019

I carabinieri del Comando provinciale di Napoli hanno arrestato circa 30 persone ritenute affiliate al clan camorristico dei Sequino, attivo nel Rione Sanità. Il clan Sequino è in contrasto con il clan dei Mazzarella per il predominio sugli affari illeciti nel territorio del Rione Sanità e spesso i suoi affiliati sono stati autori delle cosiddette ‘stese’, azioni intimidatorie che consistono in raid armati a bordo di scooter o moto con colpi di arma da fuoco esplosi in aria.  

Gli indagati sono stati raggiunti da due ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia partenopea e dovranno rispondere a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, porto abusivo di armi e spaccio di stupefacenti. Tutti i reati sono aggravati da finalità e metodo mafiosi. E’ stato accertato come la direzione dell’associazione sia sempre rimasta nella mani dei capi storici, Salvatore e Nicola Sequino, che diramavano ordini anche dal carcere approfittando dei colloqui. 

“I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno arrestato una trentina di persone ritenute affiliate al clan camorristico dei Sequino. È una buona notizia, che fa cominciare bene la giornata. Grazie alle Forze dell’Ordine!” ha commentato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.  

Il sindaco Luigi de Magistris si è congratulato “con i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli e con la Magistratura napoletana per l’esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare per fatti gravi di camorra eseguite questa mattina nel quartiere Sanità. Anche grazie a queste attività d’indagine la Sanità sarà progressivamente liberata dai tentativi del crimine di rallentare la rinascita di un quartiere dove la sua gente ha già scelto per la bellezza, lo sviluppo, la cultura e l’umanità”. 

 

 

Read More

Ucciso il boss Mariniello  

FASCINO PARTENOPEO febbraio 16. 2019

Omicidio ad Acerra, nel Napoletano. Vincenzo Mariniello, 46 anni, ritenuto a capo dell’omonimo clan camorristico attivo nella zona di Acerra, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un agguato avvenuto in via Pietro Nenni. Mariniello è stato ucciso mentre si trovava in auto nel cortile della sua abitazione. L’uomo aveva diversi precedenti penali anche per associazione di tipo mafioso. Sull’agguato sono in corso indagini da parte dei carabinieri. 

L’omicidio è avvenuto a poche ore di distanza dall’agguato di ieri sera a Mugnano, dove un 63enne è stato ucciso in strada. L’uomo, che lavorava come venditore ambulante al mercato ittico e aveva piccoli precedenti lontani nel tempo, è stato avvicinato da un uomo che gli ha esploso contro un colpo di pistola, colpendolo alla testa. 

Read More