giovedì, 14 Marzo, 2024
12.7 C
Napoli

4 visite guidate a Napoli: cosa fare nel weekend dal 15 al 18 febbraio 2024

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Sempre tante visite guidate a Napoli e in tutta la Campania con eventi sempre interessanti, per scoprire, assieme ad esperti e guide, i luoghi più belli della nostra terra.

 

 

 Include contenuto sponsorizzato

Anche per questo weekend dal 15 al 18 febbraio 2024,  ci saranno delle belle visite guidate nei luoghi più belli di Napoli e della Campania, con passeggiate guidate che ci faranno conoscere i posti più particolari e straordinari della città e dei suoi magnifici dintorni. Gli eventi sono proposti da associazioni che lavorano da anni sul territorio e che utilizzano brave guide e storici dell’arte per accompagnarci nei posti più belli della nostra terra. Chiedete sempre informazioni sulle misure specifiche che verranno applicate per rispettare le normative per l’emergenza e prenotate ai numeri di telefono indicati delle associazioni per avere maggiori dettagli su quanto da loro proposto. Buon fine settimana a tutti

Tutti i giorni – Straordinarie visite guidate al percorso sotterraneo del Lapis Museum nel centro di Napoli

© Napoli da Vivere

Contenuto sponsorizzato #adv

Il percorso sotterraneo della Basilica della Pietrasanta, oggi nota come LAPIS Museum, ospita una delle attrazioni più note di Napoli, il Museo dell’Acqua. Un’esperienza indimenticabile per tutti, ed è una suggestiva meta per celebrare questa Settimana di San Valentino. Un viaggio affascinante nel tempo, a 35 metri di profondità, tra atmosfere misteriose e la storia di una Napoli senza tempo. L’itinerario di visita sorvola due millenni di storia: dalle cave di tufo alle cisterne greco-romane: i visitatori potranno immergersi nella geologia del territorio e conoscere la straordinaria ingegneria idraulica romana, testimoni della stratificata storia della città. Incantevole la Sala della luna con un plenilunio perenne che avvolge la visita di un’aura romantica, omaggiando Diana, dea della Luna, sul cui tempio sarebbe costruita, secondo alcuni studi, la stessa Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta nel centro storico di Napoli. Si prosegue con il Decumano Sommerso e un tuffo emozionante nella memoria collettiva, riscoprendo la vita nei rifugi antiaerei durante la Seconda Guerra Mondiale, dove sarà possibile visitare la Sala dei racconti e la Sala dei bombardamenti, con coinvolgenti proiezioni immersive.Un lato inedito di Neapolis, ricco di fascino per lasciarsi emozionare della settimana più romantica dell’anno. I turni di visita tradizionale dal lunedì al venerdì sono sei: 10.30 – 12.30 – 13.30 – 15.30 – 16.30 – 18.30, cinque nel fine settimana 10.30 – 12.30 – 14.30 – 16.30 – 18.30, durante i quali è possibile esplorare quella “Napoli di sotto” che, insieme alla Napoli di sopra, ha consentito agli antichi e ai napoletani di vivere, costruire e sopravvivere al tempo e agli eventi. Per prenotare basta chiamare il numero 08119230565 tutti i giorni dalle 10.00 alle 14.00, ma sempre attivo con il servizio di messaggi WhatsApp, oppure basta inviare una mail a info@lapismuseum.com indicando il proprio nome, numero di persone, giorno e orario desiderati. E per chi desidera acquistare direttamente il proprio biglietto può farlo direttamente sul sito ufficiale 

Le visite sono a cura di Lapis Museum a cui si potranno chiedere tutte le informazioni.

  • Appuntamento: tutti i giorni – aperto dalle 10.00 alle 20.00, visite guidate 10.30 – 12.30 – 13.30 – 15.30 – 16.30 – 18.30. Nel fine settimana 10.30 – 12.30 – 14,30 -16.30 – 18.30. Per il weekend, festivi e ponti è raccomandata la prenotazione.
  • Contributo: Visita normale con Ticket intero 10 euro x visita accompagnata in gruppo. Possibili sconti famiglia, gruppi e altre riduzioni.
  • OrganizzazioneLapis Museum Prenotazione consigliata – Consigliate scarpe comode e un coprispalle per le cavità – info e prenotazioni +39 081 192 30 565– dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00 (servizio WhatsApp sul numero sempre attivo) prenotazioni anche via mail indicando nome, il numero di persone, il giorno e l’orario di preferenza.info@lapismuseum.com Lapis Museum sito ufficiale    
  • Maggiori Informazioni:  Museo dell’Acqua e Decumano sotterraneo

Domenica 18 febbraio – Il Rosariello alle Pigne e i suoi dintorni

© Napoli da Vivere

Santa Maria del Rosario è una piccola cappella, sita fuori le mura della città, tra la Porta di San Gennaro e quella di Santa Maria di Costantinopoli, dove se dice le Pigne. La visita consentirà “l’esplorazione” dell’antico Largo delle Pigne, un tempo regione cosparsa di alberi di pino e oggi Piazza Cavour. Una piazza che stentiamo a riconoscere come tale, per la sua forma di strada e per il suo carattere ibrido a metà tra arteria trafficata e giardino pubblico popolato di busti dimenticati, una fontana che evoca tritoni e paparelle e, nascosta tra il sovrapporsi dei piccoli viali a giardino, la chiesa del Rosariello alle Pigne. Opera dei Guglielmelli padre e figlio, era annessa a un conservatorio di fanciulle di fondazione domenicana che ci racconta un pezzo di storia delle donne vissute nel tormentato Seicento napoletano. E celate come queste recluse dietro alle trame di una grata intagliata e dorata sono anche le forme della piccola chiesa che emerge attraverso le trine dei rami degli alberi. Ci faremo strada tra le foglie, attraversando letteralmente la facciata-sipario, per raccontarvi una storia di vite spese nella devozione e nella preghiera alla Madonna del Rosario. Faremo visita al silenzioso cimiterino delle monache, riportato alla luce dalle solerti cure dei nuovi custodi della chiesa, i canonici dell’ Institutum Christi Regis Summi Sacerdotis. Il nostro viaggio proseguirà poi dal sipario del Largo delle Pigne al “dietro le quinte” della collina di Fonseca e della Stella, a ridosso della zona dei Vergini, dintorni dell’antico monastero che si aprono su antichi palazzi nobiliari e ritiri di “povere vedove onorate”, fanciulle vergini e donne malmaritate.

La visita è curata dall’Associazione Locus Iste a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: domenica 18 ore 9,45 Piazza Cavour 124 davanti alla Chiesa del Rosariello alle Pigne Durata: 90 minuti
  • Contributo: 12 euro (comprensivi di contributo per il restauro delle opere della Chiesa del Rosariello alle Pigne e di radioline).
  • OrganizzazioneLocus Iste – Prenotazione obbligatoria  e informazioni   Segreteria locus iste +39/3472374210 o invia un WhatsApp o una mail  locusisteinfo@gmail.com,
  • Maggiori Informazioni Pagina ufficiale  Locus Iste 

Sabato 17 febbraio – Viaggiando in Arte, nelle stazioni della metro

© Napoli da Vivere

Nuovo appuntamento con viaggiando in arte una serie di percorsi volti ad ammirare le stazioni metropolitane di Napoli unitamente al tessuto cittadino. Il primo percorso verte sull’analisi delle stazioni metropolitane comprese tra piazza Municipio e via Toledo analizzando i rinvenimenti archeologici di piazza Municipio per terminare attraverso gli armoniosi i colori della fermata Università e Toledo con le particolari opere di Montecalvario con lo sviluppo di via Toledo, Una mattinata all’insegna dei colori

La visita è a cura di Megaride Art a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: – ore 10.30, piazza Municipio piazzale antistante il Maschio Angioino Termine attività culturale: ore 12.30-12.45 circa presso via Toledo
  • Contributo: 14 euro a persona
  • OrganizzazioneMegaride Art– Prenotazione obbligatoria sulla pagina ufficiale
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale Megaride Art

Sabato 17 febbraio – Lux in Fundo tour tra le bellezze artistiche e i tesori da scoprire della Sanità

© Napoli da Vivere

LUX in Fundo è un nuovo itinerario guidato tra le bellezze artistiche e i tesori ancora da scoprire del Rione Sanità. Un vero e proprio faro di speranza che, attraverso l’arte del passato e quella del presente, illumina i vicoli più nascosti dello storico quartiere. Un’esperienza coinvolgente che mostra attraverso nuovi luoghi e nuove storie come l’arte può essere uno strumento capace di generare cambiamento e innovazione. Una chiesa blu ridipinta con venti tonalità di azzurro, una cappella barocca e un blocco di marmo che prende forma dando vita ai sogni dello scultore Jago, sono solo alcune delle meraviglie che visiterai partecipando al tour. Le Tappe del tour Lux in Fundo sono: Chiesa di Sant’Aspreno ai Crociferi – Jago Museum – Borgo dei Vergini – Palazzo dello Spagnuolo – Chiesa dei Cristallini – Basilica di San Severo fuori le mura – Figlio Velato di Jago – Cappella dei Bianchi – Piazza Sanità – Murales “Luce” Il tour è in programma ogni sabato pomeriggio ..

La visita è a cura di Catacombe di Napoli a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

© Napoli da Vivere 2024 – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

Fonte: https://www.napolidavivere.it/2024/02/14/4-visite-guidate-a-napoli-cosa-fare-nel-weekend-dal-15-al-18-febbraio-2024/

spot_img
spot_img

Cosa fare in città

Archivi