sabato, 4 Maggio, 2024
13.7 C
Napoli

4 visite guidate a Napoli: cosa fare nel lungo weekend dal 21 al 25 aprile 2023

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Sempre tante visite guidate a Napoli e in tutta la Campania con eventi sempre interessanti, per scoprire, assieme ad esperti e guide, i luoghi più belli della nostra terra

Include contenuto sponsorizzato

Anche per questo lungo weekend dal 21 al 25 aprile 2023, ci saranno delle belle visite guidate nei luoghi più belli di Napoli e della Campania, con passeggiate guidate che ci faranno conoscere i posti più particolari e straordinari della città e dei suoi magnifici dintorni.

Gli eventi sono proposti da associazioni che lavorano da anni sul territorio e che utilizzano brave guide e storici dell’arte per accompagnarci nei posti più belli della nostra terra.

Chiedete sempre informazioni sulle misure specifiche che verranno applicate per rispettare le normative per l’emergenza e prenotate ai numeri di telefono indicati delle associazioni per avere maggiori dettagli su quanto da loro proposto. Buon fine settimana a tutti

Tutti i giorni – Lo straordinario percorso sotterraneo del LAPIS Museum

Ph Lapis Museum

Il percorso sotterraneo del LAPIS Museum è la meta ideale per chi è alla ricerca di un’esperienza unica e affascinante nel cuore del centro storico di Napoli, per questo lungo ponte del 25 aprile. Un itinerario perfetto per tutti coloro che desiderano scoprire una inedita Neapolis e la sua storia millenaria. Visite tradizionali e eventi unici. Sabato 22 aprile alle 21.00 sarà la volta di Povere ‘e guerra, un’intensa visita teatralizzata con aperitivo: La Chiave di Artemysia mette in scena per la prima volta una teatralizzata che alterna interpretazioni e intermezzi musicali. Nelle fondamenta della Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, oggi nota proprio come LAPIS Museum, questo itinerario permette di percorrere cavità, cunicoli e cisterne senza tempo. Un’esperienza di visita arricchita dall’appassionato racconto dello staff che accompagna lungo il percorso, attraverso il Museo dell’Acqua, le antiche cisterne greco-romane cui è stata restituita l’originaria funzione, e il Decumano Sommerso, gli ambienti del sottosuolo riconvertiti nel corso della seconda guerra mondiale in ricoveri antiaerei. Una vera e propria avventura valorizzata da installazioni multimediali ed immersive, a cominciare da una luminosa luna nell’omonima Sala della Luna, memore dell’originaria costruzione del Complesso come tempio della dea Diana, o gli ologrammi di Gennaro e Michela, nella Sala dei racconti, che intrattengono i visitatori con un racconto sulla vita negli anni ’40, fino alla Sala dei bombardamenti, con la ricostruzione di alcuni dei momenti vissuti dalla città partenopea. Per chi desidera una visita guidata tradizionale può farla tutti i giorni, dalle 10.00 alle 20.00 con quattro turni di visite accompagnate: 10.30 – 12.30 – 16.30 – 18.30. Per prenotare è possibile rivolgersi al contact center al numero 08119230565 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 14.00, ma sempre raggiungibile attraverso il comodo servizio WhatsApp, oppure inviando una mail a info@lapismuseum.com, indicando il nome, il giorno e l’orario di preferenza e il numero di persone per le quali si desidera prenotare. E per chi preferisce acquistare direttamente on-line il proprio biglietto può farlo comodamente sul sito ufficiale

Le visite sono a cura di Lapis Museum a cui si potranno chiedere tutte le informazioni.

  • Appuntamento: tutti i giorni – aperto dalle 10.00 alle 20.00, i turni di visita accompagnati sono quattro: 10.30 – 12.30 – 16.30 – 18.30. durante i quali è possibile ammirare e scoprire una Napoli inedita e sorprendente. per il weekend, festivi e ponti è raccomandata la prenotazione.
  • Contributo: Visita normale con Ticket intero 10 euro x visita accompagnata in gruppo. Possibili sconti famiglia, gruppi e altre riduzioni.
  • OrganizzazioneLapis Museum Prenotazione consigliata – Consigliate scarpe comode e un coprispalle per le cavità – info e prenotazioni +39 081 192 30 565 – dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00 (servizio WhatsApp sul numero sempre attivo) prenotazioni anche via mail indicando nome, il numero di persone, il giorno e l’orario di preferenza.info@lapismuseum.com Lapis Museum sito ufficiale    
  • Maggiori Informazioni:  Museo dell’Acqua e Decumano sotterraneo

Martedì 25 Aprile 2023 – Le straordinarie bellezze della Certosa di San Martino

© Napoli da Vivere

Una visita per scoprire uno dei maggiori monumenti cittadini, la Certosa di San Martino il cui inizio della costruzione risale al 1325 e fu opera di Tino di Camaino. Il complesso fu poi sottoposto ad una nuova configurazione architettonica barocca a metà del 1600 ad opera dell’architetto Cosimo Fanzago ed in cui, per tutto il Seicento, lavorarono i maggiori artisti del tempo, tra cui Jusepe de Ribera, Battistello Caracciolo e Giovanni Lanfranco. Durante il 1700 venne poi delineandosi la struttura attuale con la realizzazione della cappella della Maddalena e del bellissimo Refettorio con il Chiostrino e, in quel secolo lavorarono a San Martino altri grandi artisti quali Luca Giordano, Francesco Solimena, Paolo De Matteis e Francesco De Mura che riempirono i locali di stupendi affreschi e magnifici dipinti. Un “luogo memorabiledefinito così da un famoso critico d’arte americano, Michael Kimmelman, che sulla versione on line del prestigioso New York Times dedicò un bell’articolo alla Certosa di San Martino.

La visita è a cura di Megaride Art a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: – ore 10,30 Largo San Martino – inizio ore 10,45 termine ore 12,45/13 circa
  • Contributo: 12 euro a persona + biglietto ingresso Certosa di San Martino + 0,50 auricolari riutilizzabili
  • OrganizzazioneMegaride Art – Prenotazione obbligatoria sulla pagina ufficiale
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale Megaride Art

Sabato 22 aprile 2023 – Il Vulcano sul lago: l’oasi naturalistica di Monte Nuovo

La fertilità del suolo vulcanico e il clima temperato permettono all’uomo oggi di vivere dei frutti della terra. Ma tra tanta bellezza e serenità, si cela anche un affascinante segreto, un dramma: la vera natura di vulcano piroclastico che emerse come feroce killer con l’ultima eruzione dei Campi Flegrei tra il 29 settembre e il 6 ottobre del 1538. Morte, pericolo, disastro, paura: la nascita di Monte Nuovo distrusse il villaggio medievale di Tripergole che sorgeva nei pressi della zona dei laghi, in un’area ricca di impianti termali di età romana, che tanto ristoro e cura diedero a pellegrini, forestieri e re. Cosa è rimasto di questo villaggio? Dov’è la sua memoria? Qual è il destino di questo luogo e dell’uomo che vi abita oggi? Percorrendo i sentieri della montagna, le parole di un vero testimone oculare dell’eruzione di quel secolo ci aiuteranno a rivivere quel dramma con una cronaca fedele: una geografia che si trasformò completamente! Il suo cono è ormai spento e ricolmo di alberi e le sue pendici rocciose regalano spettacolari panorami sul golfo di Pozzuoli tra Arco Felice e Lucrino che rubano il cuore dei fotografi e dei bambini. Verso est le pendici del Monte Nuovo si fermano, quasi con rispetto e miracolosa riverenza, sulle coste del Lago d’Averno, luogo mistico, porta degli Inferi. Ascolteremo leggende che animano ancora la sua memoria, tra rovine archeologiche e cristiane, tralci di vite, e nuova fauna che popola le sue acque.

La visita è curata da Locus Iste a cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: sabato 22 ingresso dell’Oasi Monte Nuovo ore 10 (inizio ore 10.15 dopo le pratiche di accoglienza) Durata: 120 min.
  • Contributo: 10 euro
  • OrganizzazioneLocus Iste – Prenotazione obbligatoria e informazioni   Segreteria locus iste +39/3472374210 o invia un WhatsApp o una mail  locusisteinfo@gmail.com,
  • Maggiori Informazioni:  Pagina ufficiale   Locus Iste  

Sabato 22 aprile 2023 –  Passeggiata panoramica nella Vigna di San Martino

Ph Facebook Trentaremi

Eco-escursione alla Vigna di San Martino, Centro per la Cultura Ecologica. Ai piedi della Certosa vi è il secondo Vigneto Urbano più grande d’Europa, una bellissima passeggiata con panorama su tutta la città di Napoli, un’oasi verde da percorrere a passo lento per rivivere la quiete dei Certosini. All’interno, da circa 10 anni, l’ A.P.S. “Piedi per la terra” ha costituito il Centro per la Cultura Ecologica, un nuovo punto di vista per passare alla consapevolezza di sentirsi parte della Natura e del Pianeta. Al termine della passeggiata sarà offerto un aperitivo di benvenuto e ospitalità. L’escursione facile per una Lunghezza di circa 2,5 km e dura circa 3 ore. Consigliate scarpe da trekking o da ginnastica con suola scolpita. Evento indicato per le famiglie. L’escursione finirà presso la Vigna di San Martino dove sarà poi possibile rientrare presso Largo San Martino percorrendo la Pedamentina a ritroso oppure prendendo la Funicolare di Montesanto dal Corso Vittorio Emanuele.

La visita è curata dall’Associazione Trentaremi cui si potranno chiedere tutte le informazioni sull’evento.

  • Appuntamento: corso Vittorio Emanuele 340, Napoli – ore 10.30 (partenza ore 10.45)
  • Contributo: adulti 20€ – 10-17 anni 10€ – minori di 9 anni gratis
  • OrganizzazioneAssociazione Trentaremi – obbligatoria la prenotazione sul sito ufficiale
  • Maggiori Informazioni e prenotazione obbligatoria dall’Associazione Trentaremi

© Napoli da Vivere 2023 – riproduzione riservata – Questo articolo è un contenuto originale di Napoli da Vivere e pertanto protetto da copyright. La sua copia è vietata e la sua riproduzione anche parziale deve essere autorizzata.

Fonte: https://www.napolidavivere.it/2023/04/20/visite-guidate-napoli-dal-21-al-25-aprile-2023/

spot_img
spot_img

Cosa fare in città

Archivi