venerdì, 9 Febbraio, 2024
12.3 C
Napoli

Colori per Eduardo, l’arte di Garofalo in mostra a Napoli

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Si intitola “I miei colori per Eduardo” la mostra con cui il regista e scenografo Bruno Garofalo, collaboratore sia di Eduardo che di Luca De Filippo, rende omaggio al aaestro nell’anno dei 40 dalla morte (31 ottobre del 1984) e dei 70 anni della riapertura (22 gennaio del 1954) del suo teatro, il San Ferdinando di Napoli.

Promossa dalla Fondazione Eduardo De Filippo, presieduta da Tommaso De Filippo e diretta da Francesco Somma, la mostra è allestita nella sede di Palazzo Scarpetta in Via Vittoria Colonna a Napoli e sarà visitabile gratuitamente dal 15 gennaio all’8 marzo 2024, dal lunedì al venerdì (ore 10 – 14).

DANILO DONZELLI
DANILO DONZELLI 

Il percorso espositivo, progettato e curato da Francesca Garofalo, accoglie ricordi e testimonianze in video e in voce ma anche disegni, bozzetti, stampe, costumi e pezzi di scenografia, tra quelle che per 12 anni (dal 1967) Bruno Garofalo ha realizzato. “Questa esposizione voluta da Tommaso De Filippo e resa possibile dalla Fondazione – sottolinea Bruno Garofalo – rappresenta per me un enorme riconoscimento, non tanto delle mie performance artistiche, quanto della devozione con la quale ho affiancato un grande maestro di teatro e ancor più di vita”.

ufficio stampa Fondazione Eduardo De FIlippo
ufficio stampa Fondazione Eduardo De FIlippo 

All’ingresso c’è la ricostruzione del botteghino, tra locandine e manifesti dell’epoca ( “Na Santarella”, “Questi fantasmi!”, “Cani e gatti”, “Ogni anno punto e da capo” e “Sabato, domenica e Lunedi”, tra le altre) in un allestimento al quale hanno collaborato Matteo Garofalo, Claudio Garofalo e Maria Procino. La sala centrale oltre alle due installazioni video accoglie uno spaccato di palcoscenico. Esposti con la scena di “Napoli Milionaria”, anche costumi originali, bozzetti, un baule di sartoria, corde, cantinelle, teli e colori. “Entrando infine nell’ultima sala – conclude Bruno Garofalo – i visitatori troveranno al centro della stanza una piccola isola trafitta centralmente dall’albero maestro di un relitto di nave, circondata dal mare in tempesta. Questa è una parte della scena, mai realizzata, che avrei voluto proporre a Eduardo per l’allestimento de La Tempesta di Shakespeare di cui, su invito dell’editore Giulio Einaudi, aveva, alla fine della sua parabola di vita e di teatro, ultimato la traduzione”.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2024/01/12/news/colori_per_eduardo_larte_di_garofalo_in_mostra_a_napoli-421867440/?rss

spot_img
spot_img

Cosa fare in città

Archivi