venerdì, 9 Febbraio, 2024
13 C
Napoli

La Russa: “Un errore accelerare sulla riforma della giustizia, non vedo segnali di toghe contro il governo”

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Non c’è da accelerare l’iter della riforma della giustizia, “sarebbe un errore avviare più di una semplice apertura di dibattito sul tema” mentre sono già in campo riforme come il premierato e l’autonomia. Ne è convinto il presidente del Senato, Ignazio La Russa, intervenuto alla giornata del Riformista a Napoli.

“Il programma di una coalizione deve essere realizzato in cinque anni. Ora la prima riforma è quella della democrazia diretta per dare maggior peso ai cittadini. C’è il saggio proposito del governo di non correre, sarebbe un errore clamoroso dire a uno gli diamo la democrazia diretta, a uno la giustizia e a quell’altro l’autonomia. La compagine deve camminare insieme ma concentrarsi. Oltre il premierato, l’autonomia già in pista, forse due riforme sono già troppe ma certo devono camminare parallele, l’autonomia si intreccia con la definizione del modello istituzionale”.

Delle tre “la giustizia non è la meno importante ma è la più divisiva. Guardate l’ira di Dio scatenata dalle parole di Crosetto. Bisogna sedimentare le condizioni e ragionare tutti insieme. Da avvocato anzitutto penserei a combattere la lunghezza dei processi, che incide fortemente sulla quotidianità”.

“Non vedo segnali contro il governo”

“Credo che anche all’interno della magistratura ci sia chi inevitabilmente possa essere influenzato dalla propria formazione politica e culturale e che questo possa costituire un aiuto nel compiere determinate scelte. Quindi ci può essere qualcuno, ma di grandi segnali in questa legislatura io sinceramente non ne ho visti. Se guardiamo al passato, alla storia, sono certamente d’accordo” ha aggiunto La Russa quando il direttore del Riformista Andrea Ruggieri gli ha chiesto un commento alle dichiarazioni della premier, Giorgia Meloni, secondo la quale “una piccola parte della magistratura contrasta le misure del governo”.

“Il mio sarà anche un augurio, un desiderio – ha aggiunto La Russa – ma spero che la consapevolezza del ruolo che deve aver la magistratura, insieme alla consapevolezza del ruolo che deve avere l’esecutivo, e Giorgia Meloni ce l’ha, avvii anche su questo fronte un modo molto civile di confrontarsi per il bene della Nazione”.

Il femminicidio male principale della società

“Credo che il femminicidio sia uno dei mali principali in questo momento, se non il male principale, che la società può affrontare perché c’è comunanza di visione. Non c’è nessuno che mette in discussione la necessità di trovare tutti i rimedi” ha aggiunto il presidente del Senato. La Russa ha sottolineato la necessità di non generalizzare, “non è che tutti i maschi diventino dei femminicidi”.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2023/12/02/news/la_russa_un_errore_accelerare_sulla_riforma_della_giustizia_non_vedo_segnali_di_toghe_contro_il_governo-421560652/?rss

spot_img
spot_img

Cosa fare in città

Archivi