venerdì, 9 Febbraio, 2024
13 C
Napoli

Metsola a Caserta risponde al meeting di Salvini: “Siamo una maggioranza forte: costruiamo una scelta europeista”

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

CASERTA – “Abbiamo una maggioranza forte che lavora insieme. Quando andremo alle elezioni a giugno, ai cittadini dobbiamo proporre una scelta pro-europeista che va avanti per i cinque anni che vengono. Io sono ottimista”. Così la presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola in risposta al raduno sovranista di Firenze voluto da Matteo Salvini. L’incontro a Caserta della presidente maltese in tour istituzionale con la vicepresidente del Parlamento europeo ed eurodeputata del Pd Pina Picierno, ha portato nell’aula consiliare una folla di studenti (inattesa di domenica), presente il consiglio comunale al completo, con il vicesindaco e le associazioni anticamorra. Il significato dell’incontro, innanzitutto un invito al voto, e poi rispondere, pur rinunciando a toni da aperta polemica, al summit sovranista dove il leader della Lega ha affermato: “L’anno prossimo il centrodestra unito e determinato può liberare Bruxelles da chi la occupa abusivamente”.

“L’Unione europea è qui per voi – ha detto Metsola ai ragazzi – alle prossime elezioni andate a votare voi giovani, così tutti possiamo dire di far parte dell’Unione europea”. Ed ha continuato: “Il mio mandato è iniziato circa due anni fa e da allora non c’è stato un giorno in cui non mi sia impegnata ad avvicinare il Parlamento Europeo ai cittadini, uscendo dalla bolla di Bruxelles e Strasburgo. Abbiamo molte differenze in Europa e vogliamo che tutti i cittadini europei abbiano le stesse possibilità. C’è molto da fare, nell’ambito climatico, nell’ambito digitale, sociale, dobbiamo lavorare per più occupazione, più accesso ai benefici sociali, alla sanità”. Di fronte a lei e alla vicepresidente Picierno, nei banchi dell’aula consiliare gli studenti del Forum Giovani e del Consiglio comunale per ragazzi e numerosi istituti superiori di Caserta e provincia. Poco prima in strada la presidente aveva scoperto una targa dedicata a Ernesto Rossi, economista tra gli autori del Manifesto di Ventotene sull’unità dell’Europa, nato proprio in quell’edificio nel 1897.

“Abbiamo voluto che la richiesta di andare avanti partisse proprio da qui, dal sud, da Caserta – ha detto Picierno – da dove l’Europa può sembrare più lontana ma solo perché ne abbiamo più bisogno. Qui vale doppio, perché più grandi sono i divari, più grandi sono le ferite, più faticoso il futuro. La memoria, il ricordo che dobbiamo a Ernesto Rossi è un dovere nei confronti di chi ci ha preceduto con coraggio: di andare avanti, di avere almeno in parte lo stesso coraggio, noi che possiamo godere di libertà e diritti proprio grazie a quei sacrifici”. Poi, dopo aver letto le dichiarazioni che ha ritenuto “indecenti” di Salvini, ha commentato a margine: “Da un turista delle istituzioni europee, ricordato nelle aule di Strasburgo per le sue magliette con la faccia di Putin, per le battaglie contro le sanzioni alla Russia e per essersi messo di traverso alla riforma del trattato di Dublino, non possiamo aspettarci nulla di diverso di un triste teatrino del complotto e della paura. L’Europa è una cosa seria e non c’è più tempo per le ‘salvinate’”.

Fonte: https://www.repubblica.it/politica/2023/12/03/news/metsola_salvini_caserta_europa_sovranisti-421563984/?rss

spot_img
spot_img

Cosa fare in città

Archivi