martedì, 11 Giugno, 2024
24 C
Napoli

Napoli, rubati alberi di Natale ai commercianti di via Calabritto: “Neanche il tempo di decorarli”

- Advertisement -https://web.agrelliebasta.it/la-mattina/wp-content/uploads/2021/01/corhaz-3.jpg

Napoli. Rubata una dozzina di alberi di Natale nell’elegante via Calabritto, a due passi dal salotto di piazza dei Martiri. Sradicati dai vasi e trascinati in strada a piedi da ragazzini davanti ai negozi ancora aperti. Una storia che ricorda il furto dell’albero in Galleria Umberto, ma questa volta i ladri hanno agito indisturbati al tramonto e poi sono tornati nella notte.

Venti pini erano stati acquistati dai commercianti della zona con una spesa di 1800 euro (140 a fusto): gli esercenti avevano aderito con entusiasmo all’iniziativa lanciata da Nicola Esposito del negozio Officine della Riviera di Chiaia, tra loro anche Marinella e il bar Leonessa.  Dovevano essere inaugurati oggi con l’accensione delle luci, alla presenza dell’assessora Teresa Armato, della presidente della prima municipalità Giovanna Mazzone e del consigliere Massimo Pepe. Tutto saltato.

Neanche il tempo di posizionarli nei vasi rivestiti di rosso. I primi pini sono spariti già ieri pomeriggio intorno alle 18, appena qualche ora dopo il loro arrivo. 

“Una tristezza, ci siamo autotassati per fare un bel regalo alla città: non abbiamo avuto neppure il tempo di decorarli e mettere le luci, ci viene impedito di fare tutto” si rammarica Brigida, moglie di Nicola Esposito mentre riceve i clienti nello store alla Riviera. “Non si può fare niente di buono qui, mancano i controlli, abbiamo capito che dobbiamo soccombere, stare alle loro leggi: hanno vinto loro”

Nel momento dei furti “non c’erano forze dell’ordine – prosegue Brigida – Una signora di un’altra strada si è vista passare davanti un ragazzino che trascinava un albero e lo ha bloccato: abbiamo recuperato il pino ma poi stanotte hanno preso quasi tutto. È diventata la loro sfida, come in galleria. È triste ma è così, con tutta la buona volontà non ripeteremo l’iniziativa. Stiamo parlando di un’area pedonale dove arrivano le auto senza alcuna difficoltà, servono più forze dell’ordine. A chi mi rivolgo? A chi può aiutarci a cambiare le cose. Tempo fa mettemmo dei fiori bellissimi davanti al negozio, arrivò un uomo nella notte e licaricò tutti in auto. Non c’è speranza, non si può dare una mano a Napoli, siamo troppo pochi per lottare”.

Per Esposito resta la delusione: “Abbiamo le luci, le conserveremo. Purtroppo la mia iniziativa con gli altri commercianti è stata un flop, a Napoli ci sono ancora questi problemi”.

“Abbiamo lavorato in sinergia in tempi record per realizzare una partnership pubblico-privato in via Calabritto – spiega il consigliere della prima municipalità massimo Pepe – l’amministrazione avrebbe provveduto alle luminarie, i commercianti agli alberi. Ci siamo dati tempi rapidi per inaugurare l’opera in tempo per la festa dell’Immacolata. Stamattina mi ha chiamato Nicola per informarmi che quasi tutti gli alberi erano spariti. È un vero e proprio furto, non si può parlare di goliardia, va denunciato. Questi ladri hanno deciso di mettere a segno un’operazione di sciacallaggio, a danno di una città che è anche la loro. Cercheremo con l’amministrazione di dare al più presto una risposta ai negozianti, un segno di vicinanza con un’installazione luminosa aerea”.

Fonte: https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/12/08/news/napoli_rubati_quasi_20_alberi_di_natale_ai_commercianti_neanche_il_tempo_di_decorarli-378116349/?rss

spot_img
spot_img

Cosa fare in città

Archivi